Politica / World News

L’Ungheria si prepara per una guerra su due fronti; invasori del sud e coronavirus

L’Ungheria si prepara per una guerra su due fronti; invasori del sud e coronavirus

Mentre il coronavirus si diffonde e i migranti escono dalla Turchia e si dirigono verso nord-ovest dell’Europa continentale, è solo una questione di tempo prima che migliaia e migliaia di uomini in età militare vengano accumulati al confine ungherese, la porta della zona Schengen dell’Europa.

Per proteggere il popolo ungherese da entrambi i flagelli, Viktor Orbán e il governo ungherese stanno prendendo provvedimenti preventivi. Durante la sua intervista settimanale con Kossuth Radio, il primo ministro ungherese ha avvertito che, dato il fatto che il virus si era già diffuso in tutta Italia e nei paesi dei Balcani occidentali, “bisogna pensare che il virus apparirà anche in Ungheria, e stiamo preparandoci per questa evenienza. ”

Orbán ha assicurato che il suo governo è “al di sopra di esso, e che stanno lavorando 24 ore al giorno” e che un mese fa era stata istituita una speciale task force che aveva tutte le capacità tecniche e le risorse umane necessarie per combattere la diffusione del virus .

Tutte le informazioni importanti saranno condivise. Il team ungherese è composto da professionisti di livello internazionale ”, ha affermato Orbán.

Nonostante l’epidemia globale che recentemente domina i titoli, Orbán sostiene che la minaccia più imminente ed esistenziale che il mondo civile occidentale sta affrontando è il flusso inarrestabile di migranti dal sud globale, che comprende il Medio Oriente e l’Africa.

Nonostante tutta l’attenzione che il coronavirus sta attirando, la migrazione rimane una sfida storica. Il flusso verso l’alto [dei migranti] da sud è una tendenza storica, e noi siamo di ostacolo “, ha affermato il Primo Ministro ungherese.

Il governo turco ha annunciato che avrebbe aperto i suoi confini con la Siria e avrebbe consentito a tutti i migranti dal Medio Oriente di passare per raggiungere l’Europa senza ostacoli.

In risposta alla notizia, Orbán ha sottolineato che il virus non è l’unica sfida imminente per l’Europa.

Dove verrà fermato il flusso da sud? Ho sempre sostenuto che l’invasione delle masse migratorie è simile a un’onda ”, ha continuato il Primo Ministro ungherese.

La domanda principale è come possiamo fermare questa ondata proveniente dal sud. Ho sempre detto che la migrazione arriva a ondate. Dovremmo aspettarci una nuova ondata migratoria e attacchi di massa al confine ungherese e dobbiamo difendere il confine ungherese “.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento