Politica / World News

L’Ungheria sollecita un nuovo accordo UE-Turchia sulla migrazione

L’Ungheria sollecita un nuovo accordo UE-Turchia sulla migrazione

L’Unione europea può solo aspettarsi che la Turchia interrompa l’afflusso di migranti se verrà raggiunto un nuovo accordo bilaterale tra le due parti, ha dichiarato a Budapest il ministro degli affari esteri e del commercio Péter Szijjártó dopo aver incontrato il suo omologo turco, Mevlüt Çavuşoğlu.

Szijjártó ha affermato che anche la pressione migratoria sulla Turchia sta crescendo, come riportato dal quotidiano ungherese Magyar Hirlap.

I dati dell’intelligence indicano che ci sono circa 1,5 milioni di sfollati interni in Siria che si stanno dirigendo verso la Turchia. Allo stesso tempo, anche la pressione migratoria dal Pakistan e dall’Afghanistan è in aumento, la Turchia è stata costretta a fermare 455.000 migranti ai suoi confini solo lo scorso anno.”Chissà per quanto tempo i Greci potranno tenere il confine?” ha chiesto Szijjártó.

Il ministro degli Esteri ungherese ha affermato che in questa situazione la responsabilità dell’UE è diventata molto più pronunciata.

L’immigrazione clandestina non è più solo una minaccia per la sicurezza e la cultura nazionale, ma presenta anche un rischio per la salute pubblica molto reale perché “oggi la migrazione di massa incontrollata rappresenta un pericolo estremo”.
Il coronavirus rende più urgente la necessità di un accordo con i migranti

L’Ungheria ha recentemente espulso 15 studenti iraniani con coronavirus che hanno violato le regole di quarantena del Paese e agito violentemente nei confronti del personale medico.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento