Italia / Migranti

MILANO – IMMIGRATI ESIGONO DA BERE DOPO IL COPRIFUOCO: BARISTA MASSACRATO E BAR DISTRUTTO

MILANO – IMMIGRATI  ESIGONO DA BERE DOPO IL COPRIFUOCO: BARISTA MASSACRATO E BAR DISTRUTTO

Secondo quanto riferito dalla stessa vittima agli inquirenti, poco dopo le 22:00 una ragazza era entrata nella sua attività commerciale.

Aveva chiesto da bere degli alcolici, ma l’uomo si è rifiutato di darla da bere, anche perché era passato l’orario del coprifuoco e il locale avrebbe chiuso di lì a breve. Per tutta risposta alcuni istanti dopo sono entrati nel locale quattro uomini e una donna. Il gruppo ha inveito prima con parole pesanti contro il barista, poi hanno cominciato a picchiarlo a sangue, sfasciando altresì tutto il locale. Gli aggressori, che sarebbero quattro, hanno rotto tavolini, sedie e sfondato vetrine.

Dopo l’aggressione gli autori del misfatto hanno fatto perdere le loro tracce. La Polizia li ha rintracciati in un palazzo, dove si erano rifugiati forse nel tentativo di sfuggire alla cattura. Tutti e quattro sono stati denunciati per lesioni aggravate e danneggiamento aggravato: si tratta di un egiziano 22enne, di un sudamericano 24enne e di due cittadini italiani. Non è nota la posizione della donna presente al momento dell’aggressione.

Proprio il brasiliano avrebbe fatto irruzione in un secondo momento nell’attività commerciale con il volto coperto da un passamontagna. E’ stato fermato in strada, poco distante dal luogo dell’accaduto. Il proprietario del bar è un 42enne molto conosciuto nella zona dei Navigli: la vittima è stata portata presso il Pronto Soccorso del Policlinico in codice giallo per essere medicata.

Per lui tanto spavento, in quanto non si aspettava che un semplice rifiuto, peraltro dettato da precise norme sanitarie, potesse scatenare l’ira del gruppo. Sono stati gli stessi poliziotti a capire che gli aggressori erano fuggiti verso via Gorla, nota per la presenza di un centro sociale abusivo che ospita immigrati, dove poi sono stati effettivamente trovati pochi minuti dopo l’inizio delle ricerche.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento