Politica / World News

Ministro greco: L’Asilo per i “cosiddetti profughi” non è a tempo indeterminato

Ministro greco: L’Asilo per i “cosiddetti profughi” non è a tempo indeterminato

ATENE (AFP) – Il ministro della migrazione del governo conservatore Notis Mitarachi ha detto in un’intervista pubblicata Domenica “La Grecia concederà la protezione dei rifugiati solo per tre anni vista la quasi impossibilità ad integrare gli immigrati” .

La Grecia l’anno scorso è stata il primo porto UE di ingresso per i migranti e ha lottato per gestire l’afflusso, con campi sovraffollati nelle isole dell’Egeo vicino alla costa turca.

Il manicomio ha una durata di tre anni, non è a tempo indeterminato”, ha detto Mitarachi al settimanale To Vima.

Se le condizioni cambiano nel paese [di origine], l’asilo non può essere rinnovato”, ha aggiunto Mitarachi.

E ‘difficile integrare diverse popolazioni”, ha detto.

Più di 36.000 richiedenti asilo sono attualmente stipati in campi su cinque isole, dove la capacità ufficiale è di 6.200 persone le cui condizioni sono state più volte condannate dalle agenzie umanitarie.

La sovrappopolazione nei campi di Lesbo e le altre isole vicino la Turchia ha causato la rabbia nei giorni scorsi tra i residenti dell’isola e dei richiedenti asilo.

Dal momento della crisi migratoria scoppiata nel 2015, alimentata dalla guerra in Siria, la Grecia ha concesso asilo a circa 40.000 persone.

Altre 87.000 domande di asilo sono in attesa, ha aggiunto

Il rimpatrio dei richiedenti asilo le cui domande vengono respinte devono essere discussi in una revisione della politica migratoria dell’UE il mese prossimo.

Operazioni di rimpatrio congiunte saranno predominanti nelle nuove proposte della Commissione europea che ci attende in marzo e aprile”, ha detto Mitarachi.

Il nuovo governo ha introdotto norme più severe in materia di asilo, e il mese scorso ha indetto un bando per una barriera galleggiante nel Mar Egeo per fermare le barche dei migranti.

Il sistema – criticato come immorale e poco pratico dai gruppi per i diritti umani e dai partiti di opposizione – comporterà barriere o reti, lunghe 2,7 chilometri (1,7 miglia), e saranno utilizzate come misura di emergenza da parte delle forze armate greche.

Mitarachi ha detto che il progetto delle barriere è solo un “provino” e sarà implementata se ritenuto efficace.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento