Islam

Missionaria svizzera uccisa dai jihadisti dopo essere stata tenuta in ostaggio per quattro anni in Mali

Missionaria svizzera uccisa dai jihadisti dopo essere stata tenuta in ostaggio per quattro anni in Mali

La missionaria svizzera Beatrice Stàckli, rapita da militanti islamici quattro anni fa in Mali, è stata assassinata dai suoi rapitori, secondo il Ministero degli Esteri svizzero.

È stata uccisa circa un mese fa da membri dell’organizzazione terroristica islamista Jama’at Nasr al-Islam wal Muslim (JNIM). Affiliato ad al-Qaeda in Mali e Africa Occidentale, JNIM è stato responsabile di numerosi attacchi contro cristiani e occidentali dalla sua formazione nel marzo 2017.

Il ministro degli Esteri svizzero Ignazio Cassis ha espresso “grande tristezza” per la sua morte. “Condanno questo crudele atto ed esprimo la mia più profonda solidarietà ai parenti”, ha detto.

La notizia dell’uccisione è stata data dall’assistente francese Sophie Pétronin, rilasciata l’8 ottobre dagli insorti islamici dopo una lunga prigionia.

Nel gennaio 2016 Beatrice Stàckli è stata rapita da uomini armati dalla sua casa di Timbuktu, nel nord del Mali. In precedenza era stata rapita nell’aprile 2012 e ha subito nove giorni di torture e minacce per mano del gruppo jihadista, Ansar al-Dine, prima di essere liberata. Al suo rilascio, decise di tornare a Timbuktu per continuare il suo lavoro missionario.

Dal 2012, i jihadisti stanno conducendo una guerra per occupare il nord e il centro del Mali con l’obiettivo dichiarato di stabilire la sharia (legge islamica) in tutto il paese.

Il Mali ha subito il peggior anno di violenza estremista in sette anni nel 2019. I militanti jihadisti hanno compiuto attacchi omicidi nella zona nord e centrale, gettando rifiuti nei villaggi cristiani e facendo fuggire centinaia di persone con solo i vestiti sulle spalle. In uno dei peggiori attentati, nel giugno 2019, almeno 100 uomini, donne e bambini sono stati massacrati a Sobame Da, un villaggio prevalentemente cristiano nella regione di Mopti nel Mali centrale.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento