Islam / Opinioni

Mutilazioni genitali femminili e norme sociali islamiche

Mutilazioni genitali femminili e norme sociali islamiche

Il 30 gennaio di quest’anno, una ragazza di 12 anni in Egitto è morta a causa dei suoi genitori che l’hanno sottoposta a una mutilazione genitale femminile (MGF).

L’Egitto ha una legge che mette al bando la pratica dal 2008. I genitori sono stati denunciati. Questa legge è stata scritta per proteggere le donne perché le norme sociali islamiche consentono e incoraggiano questa pratica.

Secondo Ian Askew, direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità per il dipartimento della salute riproduttiva e della ricerca:

Le MGF descrivono tutte le procedure che comportano la rimozione parziale o totale dei genitali esterni o altre lesioni agli organi genitali femminili per motivi non medici. Non ha benefici per la salute.

Più di 200 milioni di ragazze e donne in vita oggi vivono con le MGF e molte sono a rischio di subire le conseguenze negative per la salute associate.

Questi includono morte, emorragie gravi e problemi di minzione. Le conseguenze a lungo termine vanno da cisti e infezioni a complicanze del parto e aumento del rischio di decessi per neonati.

Le MGF rappresentano una grave violazione dei diritti umani di ragazze e donne.

Un altro termine usato per le MGF è la circoncisione femminile. Alcuni paesi preferiscono il termine FGC, in quanto è visto come “più neutrale“. (La “C” è un riferimento al “taglio“.) Questo termine “più neutrale” consente al personale medico di impacchettare le MGF nel “pacchetto di nascita“. Ebony Ridell Bamber, capo della difesa e della politica di Orchid Project, una ONG con sede nel Regno Unito che lavora per porre fine alle MGF, afferma questo. “Contribuisce davvero a legittimare e consolidare ulteriormente la pratica“.

Nell’Islam, la legittimazione arriva quando la sharia, la legge islamica, sostiene e promuove una pratica. Sotto la sharia, è richiesta la circoncisione femminile per le donne musulmane. Questo è documentato in Reliance of the Traveller:

e4.3 La circoncisione è obbligatoria (O: sia per gli uomini che per le donne. Per gli uomini consiste nel rimuovere il prepuzio dal pene, e per le donne, rimuovere il prepuzio (Ar. Bazr) del clitoride (n: non il clitoride stesso, come affermano erroneamente alcuni. (A: Hanbalis ritiene che la circoncisione delle donne non sia obbligatoria ma sunna, mentre Hanafis la considera una semplice cortesia per il marito.) ”

Studiosi islamici usano questo pezzo per dichiarare ai non musulmani che la sharia non è d’accordo con le MGF, arrivando al punto di dichiarare che non è islamico se portato all’estremo e se rimuove totalmente il clitoride:

La circoncisione femminile, conosciuta nella sua forma estrema come mutilazione o taglio genitale femminile, non è prescritta nel Corano e non ci sono autentiche tradizioni profetiche che raccomandano la pratica. La base della legge islamica è che non è lecito causare danni fisici e che una tale pratica di circoncisione femminile dimostrata dannosa sarebbe illegale.

Questo è molto ingannevole. Diamo un’occhiata a cosa significano le abbreviazioni nella sezione precedente di sharia:

A: … commento di Sheikh ‘Abd al-Wakil Durubi

Ar. Arabo

n: … osservazione del traduttore

O: … estratto dal commento di Sheikh ‘Umar Barakat

Prendendo il commento del traduttore, il passaggio ora dice:

e4. 3 La circoncisione è obbligatoria (O: sia per gli uomini che per le donne. Per gli uomini consiste nella rimozione del prepuzio dal pene, e per le donne, nella rimozione del prepuzio (Ar. Bazr) del clitoride.

Molti altri hadith sostengono anche l’obbligo per le MGF sotto Shariah. Per esempio:

Jami` at-Tirmidhi Vol. 1 Libro 1 n. 109

Aishah narra che: il Profeta disse: “Quando il circonciso incontra il circonciso, allora è richiesto Ghusl [purificazione rituale di tutto il corpo]“.

Muwatta Malik Book 2, Hadith 73

Yahya mi ha raccontato da Malik di Ibn Shihab di Said ibn al-Musayyab che Umar ibn al-Khattab e Uthman ibn Affan e A’isha, moglie del Profeta, che Allah lo benedica e gli conceda la pace, soleva dire: “ Quando la parte circoncisa tocca la parte circoncisa, ghusl è obbligatorio. ”

Sahih al-Bukhari 6599, 6600

Abu Huraira: Allah’s Messenger ha detto: “Nessun bambino è nato senza la fede islamica, ma i suoi genitori lo trasformano in ebreo o cristiano. È come aiuti gli animali a partorire. Trovi tra i loro discendenti uno mutilato prima li mutilate voi stessi.

Dire che le MGF si verificano solo nei paesi del terzo mondo ignora la triste verità che esiste in diversi paesi  che hanno approvato leggi che vietano questa crudeltà ai loro figli. L’Egitto ha approvato una legge contro le MGF nel 2008 che è stata modificata nel 2016. Ma entro il 2015, un “sondaggio del governo ha scoperto che l’87% delle donne e ragazze egiziane di età compresa tra 15 e 49 anni sono state mutilate o, come ha affermato il governo egiziano,” circonciso “.

Il 6 febbraio è stata la Giornata internazionale della tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili. Questa giornata annuale di sensibilizzazione è stata commemorata quest’anno dall’articolo tedesca DW.com, “Le mutilazioni genitali femminili sembrano” come vivere in un cadavere “di Shadia Abdelmoneim, che descrive come un’ostetrica ha eseguito la MGF su di lei senza il suo consenso dopo la nascita del suo terzo figlio in Sudan:

In seguito ha avuto un lungo periodo di shock in cui ha avuto difficoltà a fidarsi di qualcuno, ma Shadia ricorda anche vividamente il momento in cui ha realizzato cosa era successo.

Volevo andare in bagno, ma qualcosa non andava. Non riuscivo a camminare e soffrivo molto. Quando ho visto quello che aveva fatto, sono rimasta scioccata. Ha tagliato tutto aperto e poi l’ha cucito chiuso Non avevo idea di cosa fare. ”

Shadia, che stava già combattendo contro le mutilazioni genitali femminili e per i diritti delle donne come attivista in Sudan, all’epoca aveva circa 30 anni. Ha iniziato a vivere in un costante stato di paura per le sue tre figlie; riusciva a malapena a lasciarli fuori dalla sua vista.

Come possono le donne fare qualcosa del genere l’una contro l’altra, come?” chiede, mentre gli occhi le si riempiono di lacrime. “Essere circoncisi è come vivere in un cadavere.”

La dottoressa Cornelia Strunz, che lavora al Desert Flower Center, ha incontrato Shadia quando è venuta al centro per chiedere aiuto, ha detto che Shadia aveva bisogno di un intervento chirurgico per aiutarla a vivere con questa mutilazione. Secondo il Dr. Strunz, ci sono molti problemi che derivano da MGF.

Molte donne hanno problemi a svuotare la vescica dopo la MGF. Il sangue mestruale non può drenare correttamente. Per alcuni, il sesso diventa praticamente impossibile. Le donne possono anche sviluppare fistoleconnessioni tra due parti del corpo che non dovrebbero esistere affatto in circostanze normali. Un esempio potrebbe essere un legame tra la vagina e il retto, che porta a far passare le feci attraverso la vagina. Ovviamente, non è molto facile conviverci.

Norme sociali che consentono il conflitto delle MGF con diverse norme sociali della civiltà occidentale, negano ai diritti delle donne di avere il controllo del proprio corpo, poiché è un requisito richiesto dalla sharia.

Distrugge la capacità di una donna di avere piacere prendendo parte all’attività sessuale quando la donna si sposa. Questo rende l’atto un dovere e non un piacere. L’atto stesso viola il giuramento di Ippocrate “di non fare danni“. Nei paesi in cui le MGF sono vietate, i genitori / tutori che hanno fatto ciò alle proprie figlie stanno negando la validità delle leggi fatte dagli uomini.

Tradotto da opinione di Paul Sutliff :
Paul Sutliff è un esperto riconosciuto a livello federale sulla civiltà della Jihad . Il suo blog è disponibile all’indirizzo http://paulsutliff.blogspot.com. Puoi richiederlo come relatore su http://paulsutliff.com.
I libri di Paul sono su Amazon.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento