World News

Nazioni Unite: I migranti vengono “radicalizzati” dalle ONG

Nazioni Unite: I migranti vengono “radicalizzati” dalle ONG

I migranti vengono “radicalizzati” dalle ONG che li spingono ad avanzare le loro richieste, avverte il funzionario delle Nazioni Unite per i rifugiati dopo che la nave di salvataggio che ha cercato di attraccare in Italia ha snobbato l’offerta spagnola di asilo

Vincent Cochetel è preoccupato per i migranti che scelgono dove ottenere l’asilo

Dopo che la nave traghetto ha snobbato l’offerta della Spagna dopo essere stata bloccata per 20 giorni, Cochetel ha twittato: “Sono molto preoccupato per la radicalizzazione dei sogni migratori e delle richieste di alcuni migranti e rifugiati in Libia e nei paesi vicini “Un funzionario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha espresso preoccupazione per le crescenti “richieste di alcuni migranti” dopo che dozzine di loro hanno rifiutato di attraccare in Spagna a favore dell’Italia.

Vincent Cochetel, inviato speciale delle Nazioni Unite per il Mediterraneo centrale, ha avvertito che i migranti stavano diventando più radicali a causa delle ONG che li spingono ad aumentare le loro richieste.
Nella fattispecie parlava della nave traghetto per migranti Open Arms che aveva cercato di raggiungere l’isola italiana di Lampedusa per settimane.

La nave di salvataggio spagnola è rimasta bloccata in una situazione di stallo per 20 giorni quando Roma ha rifiutato di lasciarla attraccare.

La Spagna si è offerta di lasciare sbarcare i migranti a Maiorca ma Open Arms ha rifiutato.

Il non profit ha ripetutamente affermato che la situazione a bordo era disperata e alcuni migranti erano a rischio di suicidio.
Ciò ha spinto Cochetel a twittare: “Open Arms respinge l’offerta spagnola di rifugio sicuro … mentre capisco la difficoltà della situazione a bordo, sono molto preoccupato per la radicalizzazione dei sogni migratori e delle richieste di alcuni migranti e rifugiati in Libia & paesi limitrofi.

Cochetel ha twittato i commenti dopo che decine di migranti hanno rifiutato di attraccare in Spagna a favore dell’Italia

+ I migranti sono saltati in mare ieri nel disperato tentativo di nuotare verso l’isola italiana di Lampedusa in mezzo a uno scontro con il governo italiano

 

Infine come da copione alla nave è stato permesso di attraccare in Italia dopo che un procuratore italiano ne ha ordinato il sequestro.

I migranti, principalmente africani, sono stati fatti scendere a Lampedusa martedì dopo le 23.30. I passeggeri dormivano tutti insieme sul ponte e condividevano due bagni.
La nave Open Arms, gestita da un ente di beneficenza spagnolo con lo stesso nome, aveva caricato i migranti diretti verso l’Europa al largo della costa libica.
Ma dopo che l’Italia si era rifiutata di lasciarla attraccare, la nave è rimasta bloccata in mare per quasi tre settimane, durante tutto questo tempo ha continuato a dire che i migranti erano in difficoltà e avevano urgentemente bisogno di trovare riparo.

Charlie Yaxley, portavoce delle Nazioni Unite per Africa, Mediterraneo e Libia, ha detto a Euronews che c’è stata una “tendenza in aumento” nel numero di migranti che insistono su dove vogliono chiedere asilo.
Ha detto: “Le persone che fuggono dai conflitti nei paesi dell’Africa orientale e occidentale in genere chiedono asilo nei paesi vicini.”Il sistema di asilo in vigore dalla Convenzione sui rifugiati del 1951 richiede che tu faccia domanda nel paese in cui ti trovi“, ha spiegato.”I richiedenti asilo non hanno la scelta su dove chiedere [per] l’asilo.

 

Su Twitter, Yaxley ha inoltre twittato: “Una persona dovrebbe presentare domanda di asilo nel territorio in cui si trova. Non è possibile rifiutare la domanda di asilo nella speranza di ottenere un’offerta migliore altrove“.
Il direttore e fondatore di Open Arms, Oscar Camps, ha confermato in precedenza su Twitter che la nave sarebbe stata temporaneamente sequestrata, aggiungendo che era “un costo che Open Arms si assume per garantire che le persone a bordo possano essere servite“.
Riteniamo essenziale dare la priorità alla salute e alla sicurezza dei migranti in questa emergenza umanitaria“, ha affermato.
Martedì pomeriggio la Spagna aveva inviato una nave per caricare i migranti e portarli a Maiorca dopo che alcuni di loro erano saltati in mare.
Dopo che “l’ente benefico” aveva dichiarato che nove migranti avevano tentato di raggiungere la terraferma a nuoto, altre cinque persone sono saltate in mare, sebbene guardando il filmato, non fosse immediatamente chiaro se alcuni fossero soccorritori.

Il destino dei 147 migranti è ora in bilico poiché un accordo europeo per ridistribuirli non si è materializzato e Madrid ha affermato che potrebbe colpire “l’ente di beneficenza” spagnolo con una salatissima multa..

L’Italia ha adottato una linea dura sull’ingresso dei migranti, affermando di aver assunto troppe responsabilità nel gestire la migrazione africana verso l’Europa.
Il ministro degli Interni Matteo Salvini afferma che le navi gestite da enti di beneficenza sono diventate “taxi” per i trafficanti di persone e che Open Arms stava esagerando i problemi a bordo.

Di otto migranti portati a terra lunedì sera per cure mediche urgenti, ha detto, solo due hanno avuto problemi di salute. “ONG spagnola, nave spagnola, porto spagnolo: la coerenza e la forza dell’Italia hanno dato i loro frutti. Non siamo più il campo profughi d’Europa “, ha affermato in una nota.
Lo stallo ha alimentato la campagna di Salvini contro le barche dei migranti dall’Africa e arriva mentre sta cercando di forzare l’Italia a elezioni anticipate.

Il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha annunciato le sue dimissioni martedì, accusando Salvini di affondare la coalizione al potere per guadagno personale e politico.

Con l’Open Arms sequestrata, l’unica nave “benefica” rimasta attualmente operativa nel Mediterraneo è l’Ocean Viking, che sta ancora cercando un porto sicuro per i suoi 356 migranti.

La nave gestita dalle “organizzazioni benefiche” francesi SOS Mediterranee e Medici senza frontiere (MSF) ha mantenuto la sua posizione per 10 giorni tra Malta e Lampedusa.

Come previsto dal diritto marittimo, chiediamo ai centri di coordinamento di ricerca e soccorso italiani e maltesi un porto sicuro da quando abbiamo effettuato il nostro primo salvataggio il 9 agosto“, ha dichiarato Frederic Penard, responsabile delle operazioni di SOS Mediterranee.

Per il momento non abbiamo avuto risposta dall’Italia e una risposta piuttosto negativa da Malta“, ha aggiunto.
Il vice primo ministro spagnolo Carmen Calvo ha detto alla radio spagnola: “Open Arms non ha un permesso di salvataggio“.
Ad aprile la nave era stata autorizzata a lasciare Barcellona, ​​dove era stata immobilizzata per tre mesi, per trasportare aiuti umanitari in Grecia.
L’è stato vietato di dirigersi verso i mari al largo della Libia, spesso il trampolino di lancio per i migranti che tentano di raggiungere l’Europa, ma è andata comunque.
Un documento della direzione generale della marina mercantile spagnola afferma che rischia una multa fino a 901.000 euro per violazione di questo divieto.
Sei paesi dell’Unione Europea – Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, Romania e Spagna – si erano offerti di accettarli tutti.
La nave militare inviata a Lampedusa potrebbe farsi carico di quei migranti assegnati in Spagna se questo accordo fosse attuato.

Mercoledì la Francia ha dichiarato che invierà una delegazione della sua agenzia di rifugiati, Ofpra, per esaminare la situazione dei circa 40 migranti che ha accettato di accogliere.
La Francia ha anche affermato di essere pronta ad accogliere “un gran numero di migranti” dall’Ocean Viking, ripetendo che non avrebbe accolto la nave stessa.
Un portavoce della presidenza francese ha affermato che l’Ocean Viking dovrebbe essere autorizzato ad attraccare “al porto più vicino“.

Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio è intervenuto nell’ambito di un’indagine per presunto sequestro di persona e ha rifiutato di obbedire agli ordini di Salvini.
Salvini ha risposto di essere deciso a lasciare i migranti fuori dalle acque territoriali, dicendo: “Se qualcuno pensa di potermi spaventare con l’ennesima denuncia e vuole un processo, si sbaglia“.

Un pattugliatore navale spagnolo, l’Audaz, è partito martedì da Rota, nel sud-ovest della Spagna, per un viaggio di tre giorni verso Lampedusa per andare a prendere i migranti della Open Arms.

Nel fine settimana la Spagna aveva cercato di risolvere la situazione di stallo sui migranti offrendo il suo porto meridionale di Algeciras, che la ONG ha rifiutato affermando che “non era possibile raggiungere” a causa della distanza e delle tensioni a bordo.

Madrid ha suggerito quindi Maiorca nelle Isole Baleari, più vicina ma ancora a circa 1.000 chilometri (600 miglia) da Lampedusa.
L’ente benefico” ha descritto la proposta come “totalmente incomprensibile – Vogliamo Lampedusa -“.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento