Islam

Negata corsa su autobus a giovane donna svedese perchè “non adeguatamente vestita”

Negata corsa su autobus a giovane donna svedese perchè “non adeguatamente vestita”

SVEZIA
Una ragazza svedese Amanda, di 19 anni, è salita a bordo del bus pubblico locale in Skåne e ha vidimato la sua tessera quando all’improvviso il conducente le ha fatto cenno di avvicinarsi e le ha detto:. “Non si può camminare vestita in quel modo sui nostri autobus. Si tratta di una politica aziendale, sta mostrando troppa pelle, scenda dal bus e vada a cambirasi”.

Amanda ha condiviso la storia sul suo profilo Facebook, evidenziando la sua rabbia.

Non era un abito provocante. Inoltre, faceva estremamente caldo fuori, 27 gradi”, Amanda scrive e pubblica una foto di se stessa che mostra i vestiti che indossava quel giorno.

Ha parlato di politica aziendale che non esiste e alla mia insistenza lmi ha risposto che non potevo restare a meno che non mi vestivo in maniera più appropriata. Ero furiosa. sono scesa dal bus perché anche se volevo restare in segno di protesta, ero così arrabbiata che volevo solo urlare e piangere. Mi chiedo che razza di “f ** stronzate sessista”.
Amanda scrive, aggiungendo che lei non si è mai sentita così umiliata e il fatto che le sia accaduto in un ambiente pubblico a bordo di un autobus l’ha resa ancora più furiosa.

Amanda si è rivolta alla compagnia di autobus, Skånetrafiken,. Il comportamento del conducente è diventato una storia top nazionale e molti utenti nei social media stanno prendendo in giro i codici di abbigliamento islamici in Svezia.
La società pubblica nega di avere alcuna politica aziendale sul codice di abbigliamento e si rammarica per il trattamento subito da Amanda.

L’autista è stato sospeso in attesa di provvedimenti disciplinari.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento