Islam / World News

Nigeria: 5 chiese bruciate, molti cristiani uccisi nell’invasione di Boko Haram

Nigeria: 5 chiese bruciate, molti cristiani uccisi nell’invasione di Boko Haram

Più di 100 militanti di Boko Haram hanno aperto il fuoco sporadicamente e indiscriminatamente e hanno incendiato chiese e case, uccidendo molte persone, nella città di Garkida, nella zona di Gombi, nello stato nord-orientale di Adamawa, secondo i rapporti iniziali.

Sono state distrutte almeno cinque chiese, tra cui due case di culto appartenenti alla denominazione della Chiesa dei Fratelli, una chiesa di comunione anglicana, una chiesa e un ufficio separato della Living Faith Church.

Vi sono segnalazioni non confermate di possibili rapimenti.

In sella a circa 60 motociclette, con due uomini ciascuno con a bordo AK47 , e accompagnati da circa 20 camion con mitragilie montate sul tetto, i militanti di Boko Haram sono arrivati ​​dall’area della foresta di Sambisa venerdì sera. Fonte: Save the Persecuted Christians.

Le forze di sicurezza nigeriane inizialmente hanno combattuto con gli aggressori ma hanno dovuto ritirarsi.
I militanti hanno poi raggiunto le città vicine e hanno compiuto gli attacchi. I civili sono fuggiti in una zona di montagna vicina e tra i cespugli.

Garkida è attualmente in fiamme … molte persone sono state uccise e le loro case coperte di fumo“. Fonte: TheCable.

Le persone correvano a nascondersi all’interno delle montagne mentre guardavano le loro case bruciate dagli insorti”, ha aggiunto un residente.

La Conferenza delle donne cattoliche, un grande raduno annuale a Gardika, era in programma venerdì sera e le donne stavano ancora arrivando quando si è verificato l’attacco.

L’attacco è continuato fino a sabato, quando “ait.live” ha riferito che “gli insorti stavano combattendo contro i vigilantes locali e gli agenti di sicurezza dispiegati nell’area“.

All’inizio di questo mese, i militanti di Boko Haram hanno bruciato e ucciso almeno 30 persone, tra cui una donna incinta e il suo bambino, e hanno rapito altri nel nord-est della Nigeria e nella regione del Lago Ciad. I militanti hanno dato fuoco ai viaggiatori addormentati nel villaggio di Auno nello stato di Borno mentre si accampavano per la notte durante il coprifuoco serale nella capitale dello stato di Maiduguri, a circa 10 miglia di distanza.

Boko Haram è un’insurrezione militante islamica responsabile dell’uccisione di decine di migliaia di persone e lo spostamento di milioni di civili nell’ultimo decennio. Il gruppo terroristico ha promesso fedeltà allo Stato islamico nel 2016, ma si è presto frammentato dopo che la leadership dello Stato islamico ha cercato di sostituire il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau.

Sebbene il governo nigeriano affermi di aver sconfitto militarmente Boko Haram, Boko Haram e la sua provincia di Stato occidentale dell’Africa islamica continuano a compiere attacchi a Borno.

Boko Haram nel corso degli anni ha rapito centinaia di ragazze dalla scuola. Il gruppo ha anche rapito pastori nel tentativo di raccogliere fondi attraverso i riscatti.

Il mese scorso, Boko Haram ha giustiziato il Rev. Lawan Andimi, presidente dell’Associazione Cristiana della Nigeria nell’area governativa locale Michika dello Stato di Adamawa. Andimi è stato rapito all’inizio di gennaio ed è stato visto in un video, girato per chiedere  il riscatto, che lodava Dio prima della sua morte.

Sempre a gennaio, lo Stato Islamico ha pubblicato un video di propaganda che pretende di mostrare l’uccisione di uno studente universitario cristiano nigeriano da parte di un bambino soldato. A dicembre, la fazione dello Stato Islamico ha affermato di aver ucciso 11 operatori umanitari cristiani in Nigeria come rappresaglia per l’uccisione del leader dello Stato Islamico Abu Bakr al-Baghdadi.

Femi Fani-Kayode, ex ministro nigeriano della cultura, del turismo e dell’aviazione, ha recentemente accusato l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e Hillary Clinton della loro “pura malvagità” nell’aiutare Boko Haramfinanziando e sostenendo” le elezioni del presidente nigeriano Muhammadu Buhari nel 2015 , che in seguito ha annullato i contratti per sradicare i terroristi, ha riferito LifeSite.

Quello che Obama, John Kerry e Hillary Clinton hanno fatto in Nigeria finanziando e sostenendo Buhari nelle elezioni presidenziali del 2015 e aiutando Boko Haram nel 2014/2015 è stata pura malvagità e il sangue di tutti coloro che sono stati uccisi dall’amministrazione Buhari, i suoi pastori Fulani e Boko Haram negli ultimi 5 anni sono nelle loro mani ”, ha scritto Fani-Kayode su Facebook.

Il governo nigeriano ha affrontato critiche internazionali per la risposta inefficace alla crescente violenza perpetrata dalle fazioni di Boko Haram e dagli attacchi radicali Fulani. L’insicurezza ha portato la Nigeria a diventare uno dei paesi più pericolosi in cui vivere al mondo.

Dato che la Nigeria si classifica come il 12 ° peggior paese al mondo nella Lista di controllo mondiale degli Stati Uniti del 2020 di Open Doors dei paesi in cui i cristiani sono maggiormente perseguitati, la Nigeria è stata aggiunta alla speciale lista di controllo del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sui paesi che non tollerano o commettono gravi violazioni della libertà religiosa.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento