Islam / World News

Nigeria: Militanti islamici del Fulani uccidono un Pastore cristiano e un bambino di 10 anni

Nigeria: Militanti islamici del Fulani uccidono un Pastore cristiano e un bambino di 10 anni

Un gruppo di militanti islamici Fulani ha ucciso un pastore cristiano e tre membri della sua congregazione – tra cui un bambino di 10 anni – in un feroce attacco a una comunità cristiana nello Stato dell’altopiano della Nigeria.

Secondo un rapporto di Morning Star News, i Fulani hanno sparato e ucciso il 34enne Matthew Tagwai, il pastore della congregazione evangelica (ECWA). Inoltre, i militanti hanno giustiziato sommariamente i 10 membri della congregazione Ishaku Abba e 38 membri della congregazione Duh Abba.

Un residente del luogo ha detto:

“L’attacco è stato effettuato da truppe armate contro la comunità verso le 20:20 di martedì 7 aprile.

“Altri due cristiani, Abbayo Ki, 45 anni, e Lunedi Adamas, 19 anni, sono rimasti feriti durante l’attacco, e sono attualmente in cura in un ospedale nel villaggio di Dantako.”

Un sopravvissuto all’attacco, Moses Gata, ha confermato che gli assalitori erano Fulani – un gruppo semi-nomade di allevatori di bestiame che sono diventati sempre più violenti nei confronti della comunità cristiana negli ultimi anni.

“Non c’è dubbio: i nostri aggressori sono i profughi musulmani Fulani”, ha detto Gata a Morning Star News. “Stavano comunicando fra loro in Fulfulde, il linguaggio dei fulani.”

Un altro residente, Andy Yakubu, ha detto a Morning Star News che i fulani avevano commesso numerosi attacchi armati negli ultimi giorni.

“Nell’ultima settimana, i pastori Fulani hanno attaccato diversi villaggi”, ha detto Yakubu. “Qual è il crimine di queste persone innocenti contro i Fulani? Per quanto tempo continueremo a subire questo genocidio? Per quanto tempo continueremo a chiedere al governo e alle agenzie di sicurezza di venire in aiuto del nostro popolo?”

“I continui attacchi contro comunità cristiane innocue e ignare senza una risposta concreta e strategica per proteggere il nostro popolo da parte del nostro governo lascia molto a desiderare”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento