Politica

“Non è una barzelletta”: Bruxelles pronta per un coprifuoco di sole due ore il venerdì

“Non è una barzelletta”: Bruxelles pronta per un coprifuoco di sole due ore il venerdì

La gente del posto a Bruxelles è rimasta perplessa dalle regole che impongono loro di rispettare il coprifuoco venerdì sera… solo per due ore!

Dovranno stare al chiuso entro le 22:00, ma, solo 120 minuti dopo, sono liberi di uscire di casa.

Il coprifuoco notturno belga, che si è eseguito dalla mezzanotte alle 5 del mattino, sarà revocato a mezzanotte del venerdì/sabato e sostituito dal divieto di raduni di più di tre persone provenienti da famiglie diverse nello stesso periodo di cinque ore.

Ma nella capitale Bruxelles il coprifuoco è iniziato due ore prima, alle 22. Sarà ancora in vigore venerdì, il che significa che la gente del posto dovrà sopportarlo per due ore prima che inizi il nuovo regime di restrizioni.

“Questa è una barzelletta belga e nemmeno una buona barzelletta belga”, ha detto giovedì mattina alla radio fiamminga gilles Verstraeten, deputato di Bruxelles.

“Il nostro limite di tolleranza per tali assurdità ha ormai raggiunto il suo punto più basso”, dicono anche i media locali.

Le restrizioni imposte in tutto il Belgio in ottobre per frenare la rinascita della pandemia hanno iniziato a essere revocate il mese scorso.

Scuole e parrucchieri, costretti a chiudere di nuovo a fine marzo, sono stati autorizzati a riaprire il 19 aprile mentre il divieto di viaggi non essenziali al di fuori dei confini del paese è stato revocato.

La prossima fase dell’allentamento si svolgerà l’8 maggio, quando caffè e ristoranti potranno aprire le loro terrazze.

Con oltre 24.400 morti dall’inizio della pandemia, il paese di 11,5 milioni ha il 10 ° più alto tasso di mortalità COVID-19 rispetto alla popolazione del mondo, secondo la Johns Hopkins University.

Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), il tasso di incidenza di 14 giorni è attualmente di 392,2 casi ogni 100.000 abitanti, collocandolo nella metà inferiore dei paesi DELL’UE/SEE.

Ma il numero di nuovi casi è in trend di calo nell’ultimo mese con la media di 7 giorni ora sotto i 3.000, rispetto a un picco di oltre 4.800 a fine marzo.

Ciò ha alleggerito parte della pressione sugli ospedali. Martedì c’erano meno di 800 pazienti covid-19 in terapia intensiva, un livello raggiunto l’ultima volta il 1 ° aprile.

Il Belgio chiuderà i suoi confini ai viaggiatori provenienti da India, Brasile e Sudafrica

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento