World News

Oltre 1000 migranti illegali hanno raggiunto le Isole Canarie nel 2020

Oltre 1000 migranti illegali hanno raggiunto le Isole Canarie nel 2020

BARCELLONA, Spagna (AP) – Il servizio di salvataggio marittimo della Spagna ha dichiarato mercoledì di aver salvato 24 migranti vicino alle Isole Canarie al largo della costa nord-occidentale dell’Africa, ma stava ancora cercando 53 persone in due barche di migranti che sono state segnalate disperse nell’area da almeno due giorni.

Mercoledì scorso è stato dispiegato un aereo di servizio di salvataggio marittimo per cercare le barche nelle acque tra l’isola spagnola di Gran Canaria e Dakhla sulla costa del Sahara occidentale, hanno detto le autorità, ma il maltempo ha complicato la ricerca.

Tra i 24 migranti salvati alla fine di martedì, c’erano nove donne e un bambino, ha detto il servizio di emergenza delle Isole Canarie sul suo account Twitter. Sono stati portati in un porto sull’isola di Gran Canaria, uno dei sette porti presenti nell’arcipelago delle Isole Canarie.

Inizialmente le autorità spagnole avevano iniziato a cercare circa 140 persone scomparse a bordo di cinque barche di migranti dopo aver ricevuto diversi avvisi lunedì pomeriggio. In seguito ai soccorsi effettuati sia dal Marocco che dalla Spagna, il servizio ha detto mercoledì di aver ristretto la ricerca a due imbarcazioni che trasportavano rispettivamente 26 e 27 persone.

La mortale rotta atlantica dall’Africa nord-occidentale alle Isole Canarie è diventata sempre più popolare tra i migranti che cercano disperatamente di raggiungere il suolo europeo a seguito di un aumento dei controlli migratori nelle rotte del Mediterraneo occidentale tra il Marocco e la Spagna continentale più a nord.

Più di 1.000 migranti hanno raggiunto le Isole Canarie dal 1 ° gennaio al 15 febbraio, rispetto ai 66 dello stesso periodo dell’anno scorso, secondo il Ministero degli Interni spagnolo. Almeno 210 persone sono morte su quella rotta nel 2019, ha affermato l’Organizzazione internazionale per le migrazioni

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento