Islam / Migranti

Ormai è diventato un cliché; Grosso incendio in un campo di migranti sull’isola di Samos! (video)

Ormai è diventato un cliché; Grosso incendio in un campo di migranti sull’isola di Samos! (video)

Un grande incendio è scoppiato in un campo di migranti sull’isola greca di Samos. L’incendio è di origine dolosa. Fonte: Sceptr

Nel mese di agosto, il più grande campo di migranti della Grecia di Moria, sull’isola di Lesbo, è stato distrutto dopo a causa di un incendio provocato dai migranti.

I vigili del fuoco hanno messo sotto controllo l’incendio di Samos, in quanto di dimensioni limitate, l’incendio è stato affrontato rapidamente da 18 vigili del fuoco e da nove veicoli. Tuttavia, molti migranti illegasli hanno dovuto essere evacuati. Diverse tende sono state gravemente danneggiate, ma i dettagli sui numeri rimangono poco chiari.

Molte delle tende sono collocate strettamente insieme nel campo, e le bombole di gas utilizzate dai residenti per cucinare hanno causato piccole esplosioni.

Attualmente, più di 3.800 persone vivono nel campo di Vathy sull’isola di Samos. Il campo è stato originariamente costruito per ospitare meno di 650 migranti.

Incendio di matrice dolosa

Si dice che l’incendio sia stato causato da un’esplosione di bombole di gas in una cucina. Secondo il sindaco di Vathy, l’incendio è stato appiccato deliberatamente. Per costringere le autoritò all’immediato trasferimento dei migranti sulla terraferma greca.

Nel mese di agosto, il campo di Moria a Lesbo è andato completamente a fuoco. L’incendio di Moria era stato appiccato dai richiedenti asilo che non volevano andare in quarantena obbligatoria a causa del coronavirus.

Immagine del titolo: I migranti guardano il fumo che si alza da un incendio all’interno del campo profughi sull’isola orientale dell’Egeo di Samos, Grecia, mercoledì 11 novembre 2020. Decine di alloggi sono stati distrutti dall’incendio scoppiato mercoledì mattina, appena due settimane dopo che un terremoto ha colpito l’isola. (AP Photo/Michael Svarnias)

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento