Islam

PA sfrutta le tragiche uccisioni negli Stati Uniti

PA sfrutta le tragiche uccisioni negli Stati Uniti

L’Autorità palestinese e Fatah sono stati entrambi pronti a sfruttare la recente tragedia degli Stati Uniti per demonizzare Israele paragonando le azioni dei soldati israeliani, con quelle del poliziotto americano che ha ucciso un afroamericano.

La diffamazione ripetuta dell’AP è che Israele uccide deliberatamente i palestinesi e coglie ogni occasione per diffondere la menzogna.

La vignetta sopra è stata pubblicata in seguito alla morte del cittadino afroamericano George Floyd a Minneapolis, Minnesota, il 25 maggio 2020.

Floyd è stato ucciso da un agente di polizia bianco di nome Derek Chauvin che gli ha messo il ginocchio sul collo per quasi 9 minuti, ignorando le sue suppliche che non riusciva a respirare.

Dopo la morte di Floyd, sono scoppiate violente proteste negli Stati Uniti. L’agente Chauvin è stato accusato di omicidio di terzo grado e omicidio colposo.

Questa tragedia è stata sfruttata dall’AP e da Fatah per lanciare di nuovo la sua diffamazione dicendo che Israele giustizia intenzionalmente i palestinesi.

La vignetta, disegnato dal fumettista ufficiale del quotidiano PA Al-Hayat Al-Jadida, Muhammad Saba’aneh, mostra un soldato israeliano (a sinistra) inginocchiato su un palestinese e un ufficiale di polizia bianco americano – che rappresenta Derek Chauvin – inginocchiato su un afroamericano – che rappresenta George Floyd.

La vignetta utilizza molte immagini per presentare la sua diffamazione. Entrambi gli ufficiali si stanno inginocchiando sul collo delle loro vittime, i due ufficiali si abbracciano, uno tiene un club e l’altro una pistola, ed entrambi hanno le bandiere del loro paese sulle spalle. Il messaggio della vignetta: i soldati israeliani sono l’immagine speculare di Derek Chauvin.

Testo pubblicato in inglese: “#BlackLivesMatter”

[Pagina Facebook ufficiale di Fatah, 29 maggio 2020;
quotidiano ufficiale PA Al-Hayat Al-Jadida, 1 giugno 2020]

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento