World News

Paesi Bassi: diciottenne accoltellato a morte da richiedente asilo sudanese

Paesi Bassi: diciottenne accoltellato a morte da richiedente asilo sudanese

Un richiedente asilo sudanese è stato arrestato durante il fine settimana per aver ucciso un ragazzo olandese di 18 anni con un coltello nel comune di Oss, nel sud dei Paesi Bassi.

L’omicidio è avvenuto domenica scorsa verso le 8 del mattino, quando un 25enne sudanese ha aggredito e accoltellato la vittima, Rik van de Rakt, mentre andava al lavoro. Fonte: De Telegraaf .

Pochi istanti dopo l’attacco insensato, il corpo senza vita di Rik van de Rakt è stato scoperto da un passante. Da lì non c’è voluto molto perché gli agenti di polizia trovassero l’assassino e lo arrestassero.
Si dice che il venticinquenne richiedentei asilo e che vive a Heesch, sia stato trovato dalle autorità in uno “stato confuso” con l’arma del delitto ancora in tasca.

A quanto pare, il sudanese non era estraneo alla polizia perché aveva causato problemi nella zona. Immediatamente prima dell’accoltellamento del diciottenne olandese, sembra che abbia aggredito una giovane donna che fortunatamente è riuscita a fuggire. Sembra che il migrante sudanese stesse semplicemente vagando per la città, alla ricerca di vittime casuali.

Le autorità non hanno escluso un movente terroristico.

“Oggi si è svolta una perquisizione nella sua casa di Heesch. L’indagine è ancora in corso e stiamo ancora cercando testimoni e in particolare il ciclista in transito sull’Hescheweg a Heesch domenica.
Il sudanese sarà portato davanti al giudice istruttore domani”, ha detto un portavoce della polizia di East Brabant.

Il richiedente asilo sudanese è il secondo migrante arrestato con l’accusa di omicidio quest’anno nei Paesi Bassi.
Nel mese di marzo, un migrante di Trinidad e Tobago è stato arrestato a Echt per l’omicidio di Frank Schrijen, 56 anni, olandese di Boxmeer.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento