World News

Paesi Bassi: Donne e bambini neonati presi a sputi da “stranieri” in età militare

Paesi Bassi: Donne e bambini neonati presi a sputi da “stranieri” in età militare

Una madre e il suo bambino sono ora in quarantena dopo essere stati sputati da una coppia di uomini stranieri mentre andavano in bicicletta da De Gouw verso il comune olandese di Enkhuizen.

La donna e suo figlio di un anno sono stati sputati intorno alle 17:30 di sabato da due stranieri in età militare che erano in sella a uno scooter. La vittima e il suo bambino resteranno entrambi in quarantena per due settimane, secondo l’ordine dell’Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l’ambiente (RIVM), riferisceil quotidiano olandese De Telegraaf.

A seguito della quarantena di quattordici giorni, la vittima – che lavora in una scuola che si prende cura dei figli degli operatori sanitari – non sarà in grado di lavorare.

Sabato sera, il fratello della vittima è scritto sui social media per informare il pubblico di quanto accaduto.

“Mia sorella e mio nipote di 1 anno sono stati sputati questo pomeriggio da 2 ragazzi dalla pelle scura di 20/21anni in sella ad uno scooter, non indossavano caschi. Entrambi con capelli e carnagione scura. Questo è accaduto sul Gouw, vicino ai bulbi di fiori di Karel. Le “risorse” si sono dirette verso di lei e poi hanno sputato su mia sorella e mio nipote.”

La madre della vittima, Cobi Blommestein, ha detto al canale regionale olandese NH Nieuws che sua figlia era “molto turbata” a causa dell’aggressione.

“Era completamente coperta di saliva e hanno colpito anche suo figlio”, ha detto Blommestein.

Sembra che i due stranieri abbiano sputato anche su un’altra donna che andava in bicicletta davanti alla figlia di Blommestein.

Lunedì, una coppia gay che camminava mano nella mano ad Amsterdam è stata molestata, attaccata e sputata da un gruppo di stranieri. “Faggots! I gay non sono normali! Voi siete omo oncologici”, ha gridato uno degli immigrati mentre si filma con orgoglio per aver molestato i due uomini.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento