Islam / World News

Paesi Bassi: Tutte le scuole primarie islamiche distribuiscono letteratura anti-gay

Paesi Bassi: Tutte le scuole primarie islamiche distribuiscono letteratura anti-gay

I bambini in tutta l’Olanda stanno imparando ad odiare i gay grazie alle scuole primarie islamiche che operano in tutto il paese e che distribuiscono letteratura anti-gay che insegna agli studenti che Allah ha distrutto un intero popolo a causa della sua omosessualità.

Il materiale proviene dal libro guida ‘! Sto crescendo‘, che è una lettura obbligatoria per l’educazione sessuale nelle scuole elementari islamiche in tutto il paese. Il libro per bambini è stato distribuito a 44 diverse scuole elementari in tutta l’Olanda, Fonte: NOS .

Per quanto riguarda il tema dell’omosessualità, il libro dice che “l’Islam si basa sul divieto di avere rapporti sessuali con una persona dello stesso sesso.” Il libro dice anche che le persone transgender sono “maledette” da Allah.

Circa il materiale anti-LGBT contenuta all’interno del libro, la risposta dell’Organismo di Controllo Olandese è stata la seguente: “Per quanto riguarda il materiale didattico, l’ispettorato guarda sempre il modo in cui questo viene applicato nel contesto. Questi esempi non bastano a far ritenere che i limiti di legge sono stati superati “.

Micha de Winter, docente di Pedagogia dell’Università di Utrecht, non è d’accordo con l’Ispettorato :

Un aspetto importante dell’educazione è che i bambini imparino a pensare in modo critico e a fare le proprie scelte. Questo libro di testo molto chiaramente descrive come si dovrebbe vivere e quant’altro “,.

Questo tipo di pedagogia non ha niente a che fare con lo stile di vita occidentale, in cui le persone hanno una grande libertà di scelta su come vivere.”

La scorsa primavera in Gran Bretagna, i musulmani in una scuola di Birmingham hanno inscenato una protesta contro un libro di testo che celebrava gli stili di vita LGBT. I genitori musulmani riunitisi fuori dalla scuola di Birmingham esponevano cartelli con scritto: “Diciamo No alla Sessualizzazione dei bambini”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento