Islam

Pakistan: La petizione online per cambiare il nome di ‘Islamabad’ in ‘Islamagood’ diventa virale

Pakistan: La petizione online per cambiare il nome di ‘Islamabad’ in ‘Islamagood’ diventa virale

Recentemente, una petizione online per rinominare la capitale nazionale pakistana Islamabad ha iniziato a fare il giro su Internet.

La petizione è stata creata da un cittadino bengalese con sede in Canada di nome Ayham Abrar ed è stata diretta al primo ministro pakistano Imran Khan. La campagna ha cercato di cambiare il nome di “Islama-bad” in “Islama-good”. Sebbene la petizione sia stata avviata circa 7 mesi fa, ha avuto trazione sui social media negli ultimi giorni.

Nella sua petizione, Ayham afferma: “L’Islam è buono. Il Pakistan ama l’Islam. Perché IslamaBAD? Amore dal Bangladesh. Dopo che la campagna è diventata virale sui social media, ha attirato circa 384 firme. Va detto che il firmatario aveva fissato un obiettivo di 500 firme.

Netizens scherza sulla campagna online

Un certo Haider Ali afferma che il nome Islamabad è in qualche modo islamofobo. Ha scritto: “C’è una petizione per cambiare il nome di Islamabad in Islamagood perché IslamaBad sembra islamofobo.” Un altro utente (@raisvhhh) ha preso dei screenshot contro il firmatario. Ha detto, “Perché islamaBAD? dovrebbe essere islamaGOOD… amore dal Bangladesh”

perché islamaBAD? dovrebbe essere islamaGOOD ? amore dal Bangladesh

— raisa (@raisvhhh) 17 febbraio 2021

Un altro utente di Twitter ha scritto: “Persone che hanno firmato una petizione per cambiare il nome da IslamaBAD a IslamaGOOD. Ragazzi, presentare un’altra petizione, dovrebbe essere Pakistan ZindaGOOD, non ZindaBAD.

L’account parodia Gobi Faizi ha twittato: “Petizione per cambiare il nome del Bangladesh in Promotegladesh. Noi fratelli musulmani dovremmo difendere l’uno per l’altro.

IU Amir ha twittato che coloro che capiscono Urdu conoscono il significato di “Abad”. “Chi è l’insegnante urdu di queste persone?”, ha sottolineato.

Il firmatario pubblica aggiornamenti sulla campagna

Durante la pubblicazione degli aggiornamenti sulla sua petizione, Ayham Abrar ha informato: “Ciao a tutti, Ayham qui, volevo solo contattarti per farle sapere che abbiamo appena superato 113 firme sulla nostra petizione! Grazie mille per il vostro sostegno! Mi aiuterai a ottenere più sostegno condividendo questa petizione con altre dieci persone?” Ha sottolineato: “Se abbastanza di noi firmano non possiamo essere ignorati”.

Il nome “Islamabad” sta in realtà per “Città dell’Islam”. A differenza di quanto suggerito da Ayham, il nome è una combinazione di due parole “Islam” e “Abad” e non “Cattivo”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento