World News

Pakistano clandestino accusato dell’ omicidio di una studentessa francese

Pakistano clandestino accusato dell’ omicidio di una studentessa francese

Francia:

Un immigrato pakistano, in Francia illegalmente, è stato arrestato e accusato dell’omicidio di una studentessa 23enne il cui corpo legato mani e piedi è stato trovato nel bagagliaio della sua auto nel comune di Valenton.

Il 33enne è stato arrestato e accusato di sequestro di persona, omicidio e alterazione della scena del crimine.

La vittima stava lavorando ad uno stage di una società di forniture di gelato presso la catena Franprix di supermercati e l’ultima posizione nota del suo telefono è stata in un negozio Franprix a Quincy-sous-Sénart, in cui l’indagato pakistano aveva lavorato .

IL clandestino, aveva prenotato un biglietto per l’Italia il giorno in cui il corpo della vittima era stato scoperto. Gli Investigatori stanno ancora cervamdo di capire il possibile movente per l’omicidio, ma finora non è stata trovata alcuna connessione diretta tra il pakistano e la ragazza.

Questo caso è solo l’ultimo di una serie di omicidi di giovani donne da parte di migranti clandestini e rchiedenti asilo.
Uno dei casi più infami, è stato l’uccisione di una giovane italiana “Pamela Mastropietro“, la cui causa si è concluso la scorsa settimana con il nigeriano spacciatore Innocenzo Oseghale condannato all’ergastolo per aver ucciso e smembrato la ragazza mentre presumibilmente era ancora viva.

Anche la Germania ha avuto una serie di casi simili che vanno dallo stupro all’omicidio, come quello della studentessa Maria Ladenburger all’inizio di quest’anno a Worms, dove un richiedente asilo tunisino di 22 anni  l’ha pugnalarla a morte.

 

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento