Islam / Migranti / World News

Patrioti polacchi e tifosi di calcio difendono la chiesa di Sant’Alessandro a Varsavia dagli attacchi di sinistra (video)

Patrioti polacchi e tifosi di calcio difendono la chiesa di Sant’Alessandro a Varsavia dagli attacchi di sinistra (video)

I membri della fede cattolica conosciuta come la “Guardia Nazionale” insieme ai tifosi del club di calcio hanno difeso la chiesa di Sant’Alessandro nella Piazza delle Tre Croce di Varsavia dai manifestanti pro-aborto e di sinistra che ieri hanno attaccato il luogo di culto.

Sulla scia della storica sentenza della Corte costituzionale polacca secondo cui l’aborto eugenetico è incompatibile con la costituzione,le proteste sono diventate violente in molte zone della Polonia.

I manifestanti hanno bloccato diverse strade in molte città polacche, ma Varsavia ha vissuto le battaglie più accese.

Secondo il portale di notizie polacco Niezalezna, le persone che pregavano nella chiesa sono state brutalmente attaccate con petardi e bottiglie, con i video delle proteste e dei combattimenti fuori dalla chiesa che si diffondono sui social media,

“53 cavalieri di Gondor stanno proteggendo Osgiliath dall’orda di orchi”, ha scritto un utente su Twitter e ha postato una foto aerea della chiesa attaccata, paragonando la situazione a quella del Signore degli Anelli.

Il termine “cavalieri” si riferisce alla nuova “Guardia Nazionale” – un’organizzazione creata dal movimento patriottico polacco destinato a proteggere i fedeli e le chiese dall’aggressione di sinistra. La Guardia Nazionale si è rivolta alla difesa della chiesa e si è opposta all’aggressione di sinistra, con entrambe le parti che si scontrano a pugni per le strade di Varsavia.

Robert Bąkiewicz capo della Guardia Nazionale ha postato un video che mostra l’attacco di attivisti di sinistra sulla chiesa di Sant’Alessandro.

“La sinistra aggressiva ha attaccato la chiesa nella Piazza delle Tre Croci a Varsavia. Le bottiglie vengono lanciate al #NationalGuard. Abbiamo membri feriti. La polizia non sta gestendo affatto la situazione. Abbiamo bisogno di aiuto! Per favore venite alla chiesa di Sant’Alessandro!”

Dopo l’arrivo della polizia, i due gruppi sono stati separati l’uno dall’altro, ma inizialmente è scoppiata una rissa tra polizia e i manifestanti di sinistra. La polizia ha infine disperso i manifestanti dalla chiesa dopo aver usato spray al peperoncino.

Dopo la difesa, con successo, della chiesa, Robert Bąkiewicz ha applaudito lo sforzo di difendere la chiesa.

“L’attacco dei barbari di sinistra contro la chiesa di Sant’Alessandro a Varsavia è stato fermato! La Guardia Nazionale ha ricevuto il sostegno dei tifosi del Legia Varsavia nel momento decisivo”, ha scritto.

La polizia di Varsavia ha rilasciato una dichiarazione fortemente formulata condannando un giornalista dei media di sinistra per averla accusata di aver agito “impropriamente” con spray al peperoncino.

“Abbiamo a che fare con una totale mancanza di riflessione che ha costretto la reazione degli agenti di polizia. Gli attacchi fisici contro gli ufficiali non possono essere risolte con i colpi alla testa”, ha scritto l’account Twitter della polizia di Varsavia.

Diverse persone sono state arrestate e alcune hanno riportato leggere ferite.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento