Islam / Migranti / Politica

Pressione migratoria in aumento su tutte le rotte europee

Pressione migratoria in aumento su tutte le rotte europee

L’unica soluzione possibile è che l’Europa rafforzi i suoi confini esterni, afferma il consigliere per la sicurezza del primo ministro Orbán

Fino a quando l’Europa non chiuderà le sue frontiere esterne, ci saranno sempre persone che cercano di entrare illegalmente, ha detto mercoledì il consigliere per la sicurezza interna capo del primo ministro Viktor Orbán György Bakondi alla stazione nazionale Kossuth radio, avvertendo che le pressioni migratorie sono aumentate lungo tutte le rotte europee.

Approfittando del dibattito politico tra Marocco e Spagna, sempre più persone vengono illegalmente in Europa attraverso la Spagna, ha detto Bakondi, aggiungendo che la situazione è simile sulla rotta migratoria mediterranea in Italia.

Ha detto che Spagna e Italia hanno avviato negoziati sulla situazione migratoria in seno al Consiglio d’Europa proprio al momento giusto, poiché l’Unione europea sta attualmente discutendo i contorni di una nuova strategia migratoria.

pressure1+ Migranti illegali al confine tra Ungheria e Serbia

Per quanto riguarda la rotta migratoria dalla Turchia, egli ha affermato che la situazione in quel paese è stata fortemente influenzata dallo sviluppo delle relazioni turco-greche, che attualmente è gravato da diversi gradi di tensione politica. Pertanto, anche questa rotta migratoria è occupata, è attraverso questa particolare rotta da dove la maggior parte delle persone arriva al confine ungherese.

Quest’anno, più di 38.000 immigrati clandestini sono stati arrestati dalle autorità ungheresi, rispetto ai soli 10.000 circa dello stesso periodo dell’anno scorso.

Bakondi ha detto che la posizione dell’Ungheria sulla migrazione è molto chiara:

“Non vogliamo vivere con coloro che vengono inviati qui nell’Unione europea da un’organizzazione per sostenerli. Riteniamo che coloro che entrano in Ungheria non possano essere transfrontalieri illegali, non possano essere persone trasportate dalla criminalità organizzata. L’ingresso resta aperto a coloro a cui sono stati concessi un permesso dalle autorità”, ha detto.

Immagine del titolo: MTI/AP.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento