Islam / World News

Prima fiera halal in Germania ad Hannover.

Prima fiera halal in Germania ad Hannover.

La Deutsche Messe AG di Hannover sta aprendo nuove strade: dal 6 all’8 marzo 2020, ti invita alla prima fiera di Halal in Germania.

La parola araba “halal” è una parola chiave nel Corano e significa “permesso“. La discussione pubblica in Germania è spesso limitata al divieto di carne di maiale e alcol. In effetti, halal si riferisce a tutte le aree della vita, quindi rappresenta un concetto di vita etica.

Gli organizzatori di Hannover sperano di avere fino a 50 espositori alla prima fiera halal in Germania.
Le priorità pianificate sono le aree del cibo, delle bevande, dei cosmetici e dei viaggi.

Invitato non è solo il pubblico professionale, rappresentato ad esempio da aziende manifatturiere, commercio e supermercati. I consumatori interessati saranno invitati in due giorni riservati.

Per quasi cinque milioni di musulmani che vivono attualmente in Germania, sottolinea il project manager Christoph Schöllhammer: “La domanda di prodotti Halal è presente. Siamo attualmente a un’inversione di marcia: le aziende non dovrebbero limitarsi a produrre per i consumatori locali ma dovrebbero pensare anche ad esportare il cibo halal“.

In altre parole, molte aziende tedesche stanno già facendo affari con alimenti conformi all’Islam, ma non apertamente.

Paura del boicottaggio

Molte aziende, anche se producono halal, non mettono il sigillo halal sul loro prodotto perché temono di essere messe alla gogna o boicottate da determinate persone“, afferma Tilman Brunner, capo dipartimento internazionale presso la Camera di commercio e industria di Hannover Sponsor della fiera.

Le compagnie sono preoccupate, da un lato, dei circoli di estrema destra, che temono una presunta islamizzazione dell’Occidente.

Il massacro degli animali conforme all’Islam è cosa consentita in Germania, ma solo in casi eccezionali con un’autorizzazione speciale. Il tema della carne dovrebbe pertanto essere ampiamente omesso in questa prima fiera.

Halal come sigillo di qualità

In realtà, questa è solo una piccola selezione di prodotti Halal, sottolinea Brunner: “La maggior parte sono altri alimenti, compresi cosmetici e altri prodotti chimici“.

Esistono molti prodotti in cui Halal è un marchio di qualità la fiera ha annunciato che “ Halal non è qualcosa che è solo per i musulmani, ma si tratta di un marchio di qualità “.

Ad esempio, per i consumatori che desiderano prodotti senza additivi inebrianti. In ogni caso, la domanda di informazioni è in crescita, afferma Dilara Faslak, 22enne che sta attualmente studiando teologia islamica a Osnabrück ed è coinvolto nel “controllo halal“, un motore di ricerca per alimenti conformi all’Islam:

Ad esempio, abbiamo oltre 500.000 download per le nostre applicazioni di” controllo halal “e oltre 40.000 membri sui nostri social e Piattaforme multimediali, che mostrano che la domanda di halal è in crescita “.

Aumento delle vendite di prodotti halal

Norbert Kahmann affronterà questa domanda in una delle tante lezioni specialistiche. È un coordinatore strategico di Halal alla Symrise AG di Holzminden, un produttore globale di fragranze e aromi: “Presenterò una presentazione su come trovare il giusto certificatore Halal a questa fiera, che è sempre la domanda chiave: qual è il giusto certificatore halal per la mia azienda?

Ad esempio, se vuoi entrare in affari con i principali stati islamici come l’Indonesia o la Malesia, devi lavorare con un certificatore che è riconosciuto lì.

Riguarda anche l’abbigliamento, i viaggi halal, il trasporto halal, i cosmetici, la farmacia, il cibo, le bevande: tutti dovrebbero essere certificati halal“, afferma Kahmann. “In questo momento, ci sono circa $ 2 trilioni nelle vendite globali di prodotti certificati halal e $ 4 trilioni sono previsti nel 2023-2025 “.

Non sorprende quindi che la Deutsche Messe AG stia ora lavorando per sollevare il problema dal sospetto religioso.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento