Islam / Migranti / Politica

Primo Ministro ceco: Non negozieremo con i talebani

Primo Ministro ceco: Non negozieremo con i talebani

La Repubblica ceca certamente non negozierà con i talebani, ha dichiarato il primo ministro ceco Andrej Babiš. Secondo lui, l’atteggiamento nei confronti dell’Afghanistan guidato dai talebani è più una questione per il Consiglio europeo o per il dibattito nell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). Secondo Babiš, solo il tempo dirà se ci si può fidare del movimento radicale islamista talebano che ha preso il potere in Afghanistan a metà agosto.

“La Repubblica Ceca certamente non negozierà con i talebani. La missione è finita per noi, abbiamo salvato le persone che dovevamo salvare”, ha detto Babiš a Mladá.

“I talebani ora vogliono mostrare al mondo che non c’è alcun problema in Afghanistan mentre le truppe alleate se ne vanno. E che non c’è motivo per gli afghani di lasciare il paese. Solo il tempo dirà se possiamo fidarci di loro o meno”, ha detto Babis in risposta a una domanda se teme un’ondata migratoria simile in Europa come nel 2015.

Una settimana fa, in risposta agli sviluppi in Afghanistan, il ministro degli Esteri Jakub Kulhánek ha dichiarato che la Cechia avrebbe dovuto accettare la realtà in Afghanistan dopo la caduta di Kabul e cercare una cooperazione più attiva con i paesi che hanno contatti con i talebani. Secondo lui, è prematuro stimare come saranno le relazioni della Repubblica ceca con i talebani.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha detto mercoledì che i talebani sono ora una realtà afghana. Secondo lei, la Germania e altri paesi occidentali devono negoziare con i talebani in modo che non tutto ciò che è stato raggiunto nel paese negli ultimi 20 anni sia perso.

Da metà agosto, quando i talebani hanno improvvisamente preso il controllo dell’Afghanistan, 82.300 persone sono state evacuate dal paese. L’aeroporto di Kabul è sorvegliato da soldati americani, ma i talebani insistono affinché gli Stati Uniti e altre truppe straniere lascino il paese entro il 31 agosto.

Tre settimane fa, la Repubblica Ceca ha trasportato quasi 200 persone da Kabul a Praga, tra cui 170 afghani. Gli aerei dell’esercito hanno evacuato i dipendenti dell’ambasciata ceca, i soldati cechi, l’ambasciata afghana e i collaboratori dell’esercito ceco con le loro famiglie, così come gli afghani che hanno una residenza permanente nella Repubblica Ceca. Diverse persone sono state trasportate da aerei cechi in Polonia e Slovacchia.

Immagine del titolo: Il primo ministro della Repubblica Ceca Andrej Babis si rivolge ai media durante una conferenza stampa a Praga, Repubblica Ceca, giovedì 19 agosto 2021. I leader cechi hanno dichiarato compiuto lo sforzo del paese di evacuare i cittadini cechi e gli afghani che hanno lavorato con loro. Tre voli di evacuazione cechi in tre giorni hanno trasportato quasi 200 persone da Kabul a Praga entro mercoledì notte. (AP Photo/Petr David Josek)

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento