World News

Quasi la metà dei criminali nell’area metropolitana di Parigi sono cittadini stranieri

Quasi la metà dei criminali nell’area metropolitana di Parigi sono cittadini stranieri

Le statistiche sul crimine acquisite dai media francesi hanno rivelato che all’interno dell’area metropolitana di Parigi quasi la metà di tutti i sospetti coinvolti in attività criminali è nata all’estero.

Secondo le statistiche, il numero di criminali di origine straniera nella metropolitana di Parigi è il doppio del resto del paese. In alcune aree della capitale francese, il numero di criminali di origine straniera raggiunge il 47,6 per cento. Fonte: Le Figaro.

Anche i crimini commessi da giovani non accompagnati in città rappresentano un problema crescente. Il dipartimento di sicurezza di prossimità dell’agglomerato di Parigi (DSPAP) – un’organizzazione che conduce le sue operazioni in tutta Parigi e nelle aree circostanti fuori città – ha riferito che i crimini commessi da giovani non accompagnati sono aumentati del 22,7 per cento.

Anche i casi di reato di borseggio tra i giovani migranti sono aumentati considerevolmente dal 2016, dal 15,8% al 31,7%.

Mentre i giovani stranieri sono stati accusati di aver effettuato il 2,1 per cento dei furti con scasso in città nel 2016, questa cifra è salita al 13,1 per cento nel 2019. Anche il coinvolgimento dei giovani stranieri nelle rapine violente è passato dal 4,8 per cento nel 2016 al 16,6 per cento nel 2019.

La scorsa settimana, in Francia, nel primo mese del 2020, il numero di omicidi, tentativi di omicidio e altri tipi di crimini ha raggiunto il numero record di 380, segnando un 18,7 percento rispetto al gennaio precedente.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento