Islam / World News

Ragazza minorenne violentata da 4 uomini per aver rifiutato di convertirsi all’Islam per sposare poi uno di loro

Ragazza minorenne violentata da 4 uomini per aver rifiutato di convertirsi all’Islam per sposare poi uno di loro

Punti salienti

  • Il giovane ha violentato la ragazza minorenne dopo aver promesso di sposarla
  • Quando la ragazza minorenne si è opposta all’offerta di conversione, il giovane e i suoi tre amici l’hanno violentarono.
  • Ad aprile, la ragazza minorenne ha sviluppato dolore addominale, dopo di che è stata portata in ospedale, dove la sua visita medica ha rivelato che era incinta.

Ujjain- In un terribile episodio di crimine, una ragazza di 15 anni del distretto di Barwani, nel Madhya Pradesh, sarebbe stata violentata da quattro uomini, secondo quanto riferito dopo essersi rifiutata di convertirsi all’Islam per solennizzare il matrimonio con uno di loro.

Secondo la polizia, l’atroce delitto è avvenuto nel vicino Malegaon del Maharashtra, dove l’adolescente lavorava come operaia. A Malegaon, la ragazza minorenne è entrata in contatto con un giovane di 23 anni che ha usato un’identità falsa. Il giovane, il cui vero nome è Majid Khan, si è presentato alla ragazza come Mohit. Khan l’ha aggredita sessualmente dopo aver promesso di sposarla. Nell’ottobre dello scorso anno, Khan avrebbe tentato di cambiare la religione della ragazza in Islam. Quando la ragazza si è opposta all’offerta di conversione, Khan e i suoi tre amici l’hanno violentata.

Ciò che è ancora più scioccante è che i familiari della ragazza non hanno denunciato il crimine alla polizia. La ragazza si trasferì a casa di sua sorella a Ujjain. Ad aprile, ha sviluppato dolore addominale, dopo di che è stata portata in ospedale, dove la sua visita medica ha rivelato che era incinta. “Ha avuto un parto prematuro in ospedale, ma il bambino è morto. È stato allora che la ragazza ha condiviso il suo calvario con un’altra donna in ospedale, che informò un’organizzazione indù e la polizia al riguardo”, ha detto un rapporto dell’Hindustan Times citando Ujjain ASP Amrendra Singh.

In seguito, la polizia ha registrato un caso ai sensi delle sezioni pertinenti del codice penale indiano, della legge sulla protezione dei minori dai reati sessuali e del Madhya Pradesh Freedom of Religion Act. La scorsa settimana, gli investigatori, hanno convocato Khan a Ujjain e ne hanno registrato l’arresto. Martedì, il corpo del bambino prematuro è stato riesumato per condurre test di paternità del DNA. Gli altri tre imputati devono ancora essere arrestati.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento