Islam / World News

Ramadan: la chiesa tedesca apre le porte alle preghiere musulmane

Ramadan: la chiesa tedesca apre le porte alle preghiere musulmane

Una chiesa di Berlino ha aperto le sue porte ai fedeli musulmani incapaci di inserirsi nella loro moschea secondo le nuove regole di allontanamento sociale.

La Germania ha permesso ai servizi religiosi di riprendere il 4 maggio, ma i fedeli devono mantenere una distanza di 1,5 m (5 piedi).

Di conseguenza, la moschea di Dar Assalam, nel distretto di Neukàlln, poteva contenere solo una frazione della sua congregazione.

Ma la chiesa luterana di Marta a Kreuzberg si è offerta di aiutare ospitando le preghiere del venerdì alla fine del Ramadan.

Per tutto il mese del Ramadan, i musulmani si astengono dal mangiare, bere, fumare e fare sesso dall’alba al tramonto. Normalmente le famiglie e gli amici si riuniscano per rompere il digiuno e partecipare a preghiere comuni, ma a Berlino – come nei paesi di tutto il mondo – le celebrazioni di quest’anno sono state limitate.

“È un grande segno e porta gioia nel Ramadan e gioia in questa crisi”, ha detto l’imam della moschea all’agenzia di stampa Reuters. “Questa pandemia ci ha reso una comunità. Le crisi uniscono le persone.”

“È stata una strana sensazione a causa degli strumenti musicali e delle immagini”, ha detto il membro della congregazione Samer Hamdoun, notando il contrasto con il culto islamico.

“Ma quando si guarda, quando si dimenticano i piccoli dettagli. Questa è la casa di Dio alla fine”.

Anche il pastore della chiesa ha preso parte al servizio.

“Ho tenuto un discorso in tedesco”, ha detto Monika Matthias. “E durante la preghiera, potevo solo dire sì, sì, sì, perché abbiamo le stesse preoccupazioni e vogliamo imparare da voi. Ed è bello sentirsi così vicini l’uno all’altro”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento