Islam

RAPITA: La studentessa cristiana Leah Sharibu dà alla luce il secondo figlio mentre è tenuta prigioniera

RAPITA: La studentessa cristiana Leah Sharibu dà alla luce il secondo figlio mentre è tenuta prigioniera

La studentessa cristiana rapita Leah Sharibu ha dato alla luce un secondo figlio mentre era tenuta prigioniera dal gruppo terroristico islamista Boko Haram.

Secondo quanto riferito in Nigeria, Leah, che è stata tenuta prigioniera per più di tre anni, ha dato alla luce il bambino verso la fine del 2020.

Nel gennaio 2020 Leah ha dato alla luce il suo primo figlio, dopo essere stato costretto al matrimonio con un comandante di Boko Haram.

I rapitori di Leah la vogliono convertita all’Islam, a causa della credenza islamica che una moglie prenda automaticamente la religione di suo marito. (Per questo motivo, è proibito nell’Islam per una donna musulmana sposare un uomo non musulmano).)

Emmanuel Ogebe, coordinatore del Gruppo di legge USA-Nigeria, ha detto che la notizia di un secondo figlio proveniva da “una fonte solitamente ben informata”.

Leah, che all’epoca aveva 14 anni, era l’unica cristiana tra le 110 studentesse rapite nel febbraio 2018 dal Government Girls’ Science and Technical College di Dapchi, nello Stato di Yobe.

Il gruppo terroristico rifiutò di rilasciare Leah quando le altre ragazze rapite furono restituite alle loro case il mese successivo perché si era rifiutata di rinunciare alla sua fede e convertirsi all’Islam.

Boko Haram – che può essere tradotto liberamente come “l’educazione occidentale è proibita” – è noto per prendere di mira le comunità e le chiese cristiane, il governo e le forze armate nigeriane e le scuole e i college in stile occidentale, siano essi cristiani o musulmani. Dal 2015 la violenza estremista perpetrata da Boko Haram e da altri gruppi islamisti ha ucciso almeno 8.400 cristiani in Nigeria.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento