Islam / Migranti / Politica

Regno Unito: Ad un negozio potrebbe essere negata la licenza di vendita per l’alcol sotto la pressione della Sharia …

Regno Unito: Ad un negozio potrebbe essere negata la licenza di vendita per l’alcol sotto la pressione della Sharia …

<em>Il proprietario del negozio dice di essere stato intimidito da tre uomini che gli hanno detto che era contro la sharia vendere alcolici</em>

Un negozio di Birmingham il cui proprietario è stato “intimidito” da tre uomini che gli hanno detto di non vendere alcolici in quanto violava la sharia potrebbe non ottenere una licenza di alcol.

Intervenendo oggi (5 maggio) in un’audizione per decidere se il Mini Market europeo e asiatico di Alum Rockdebba poteva avere la licenza per vendere alcolici , l’assessore Mohammed Idrees (Alum Rock) ha sostenuto che la concessione di qualsiasi licenza porterebbe a un aumento dei comportamenti antisociali e della criminalità nella zona.

Inoltre ha esortato la commissione a non concedere la licenza, dicendo: “Questa è una strada trafficata, ci sono tre scuole primarie in uno spazio molto breve, tre moschee locali nelle vicinanze, e ci sono due scuole secondarie, una delle quali aprirà questo settembre.

“Come ho detto c’è già un alto livello di comportamento anti-sociale, e c’è un tasso criminale molto grave nelle vicinanze.

“E la polizia discute con il richiedente e concorda su determinate condizioni, e lo stesso succede con l’ufficiale di esecuzione seduto in un ufficio remoto, vogliono concordare questi termini con il richiedente – ma perché non si preoccupano di consultare i residenti locali, le imprese locali? E perché non c’è stata alcuna garanzia su cosa accadrebbe se aumentasse il comportamento antisociale?

“Tutti sanno che, negli ultimi dieci anni, la polizia non ne ha avuto la capacità, non ha avuto la forza lavoro. Sono presenti solo se c’è un accoltellamento grave o un omicidio, e qualsiasi altro crimine simile, non hanno la capacità e il tempo.

“E sono i vicini e le imprese locali a soffrire di più.

“L’apertura di questo negozio aumenterà i problemi che ho sollevato.”

Il negozio spera di ottenere una licenza per vendere alcolici dalle 8:00 alle 23:00 dal lunedì alla domenica, anche se diverse lettere di obiezione sono state scritte dai residenti locali.

Tuttavia, la portavoce della ricorrente June Clarke ritiene che non vi siano motivi materiali per cui al negozio non dovrebbe essere concessa una licenza.

“Il mio cliente non sta cercando di spazzare via le questioni che destano preoccupazione, ma come già detto, il mio cliente non è responsabile delle azioni negative di altre persone a meno che lui o i suoi clienti non siano direttamente coinvolti nelle vicinanze del negozio.”

Una decisione sulla domanda è prevista entro cinque giorni lavorativi.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento