World News

Regno Unito – Court Hears: La polizia “non ha fatto niente” per la ragazza maltrattata e violentata da una banda di curdi

Regno Unito – Court Hears: La polizia “non ha fatto niente” per la ragazza maltrattata e violentata da una banda di curdi

Secondo i pubblici ministeri la polizia “non ha fatto nulla” quando una banda di stupratori curdi ha sfruttato sessualmente e “violentato con la forza” una ragazza di 14 anni a Sheffield, .

La ragazza minorenne “cadde nelle grinfie della banda e di altri che la abusarono e la sfruttarono” dopo la morte della madre, secondo un rapporto del tribunale di Sheffield nella Sottosezione Sud Yorkshire d’Inghilterra. Fonte: sito Web BBC News.

Ma quando ha chiesto aiuto alla polizia del South Yorkshire nel 2011, a 15 anni, “non è stata intrapresa alcuna azione efficace per aiutarla“, ha detto Hampton.

Il pubblico ministero ha riferito ai giurati “nessun crimine è stato registrato dalle forze dell’ordine e nessuna indagine è stata fatta“, e gli ufficiali “non hanno fatto altro che presentare un rapporto di intelligence“.

Gli accusati sono i seguenti:

35 anni, Usman Din, di Seaton Crescent, Sheffield, imputato di tre accuse di stupro e una di tratta di essereri umani

Il 36enne Jasim Mohammed, di Maxwell Way, Sheffield, è imputato di tre accuse di stupro

Kawan Omar Ahmed, 29 anni, di Margate Drive, Sheffield, imputto di due accuse di stupro

Farhad Mirzaie, 29 anni, di Ironside Road, Sheffield, imputato di due accuse di stupro

Nzar Anwar, 40 anni, di Exeter Drive, Sheffield, imputato di una accusa di stupro e di intralcio alla giustizia

Il 61enne Tony Juone, di Pitt Lane, Sheffield, accusato di stupro

Shangar Ibrahimi, 30 anni, di Cemetery Road, Barnsley, è accusato di stupro

Kamaran Mahmoodi, 39 anni, di Walkley Road, Sheffield, accusato di stupro

Saman Mohammed, 40 anni, di Fox Street, Sheffield, accusato di stupro

Otto dei nove stupratori, che negano tutti la colpa, sono curdi.

Un altro uomo, Saba Mohammed, di Faranden Road, Sheffield, è accusato di intralcio alla giustizia.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento