World News

Regno Unito: Due furgoni per la consegne del supermercato incendiati da “giovani” in risposta al blocco annunciato dal PM Boris Johnson

Regno Unito: Due furgoni per la consegne del supermercato incendiati da “giovani” in risposta al blocco annunciato dal PM Boris Johnson

Due furgoni per la consegna a domicilio gestiti dalla catena di supermercati britannica Islanda sono stati distrutti da un incendio doloso a Bristol lunedì solo poche ore dopo che il Primo Ministro Boris Johnson ha annunciato il blocco del Regno Unito in risposta alla pandemia di coronavirus (COVID-19).

Verso le 21:30, i “giovani” hanno iniziato a creare disordini nelle aree di Henbury e Southmead.
La polizia è stata chiamata per tenere sotto controllo i rivoltosi, ma i criminali hanno lanciato “petardi” contro di loro.

La stessa notte, due furgoni parcheggiati fuori dal negozio Southmead della catena di supermercati Islanda sono stati incendiati. Fonte: Daily Mirror.

Gli sforzi dei vigili del fuoco fatti per spegnere l’incendio sono stati vani, il danno è stato totale e i veicoli non potranno più essere utilizzati.

In una dichiarazione ufficiale, Richard Walker, amministratore delegato dell’Islanda, ha dichiarato:

“Rimpiazeremo i furgoni distrutti per continuare a mantenere il nostro servizio di consegna a domicilio a Southmead, al momento l’intera nostra flotta di furgoni sta funzionando a pieno regime ed è scioccante e angosciante che qualcuno agisca in modo così insensibile mettendo i veicoli fuori servizio proprio nel momento in cui sono necessari per fornire cibo alle persone più vulnerabili nella nostra società. Proprio nel momento in cui la consegna a domicilio è letteralmente un’ancora di salvezza per alcune persone, è disgustoso”, ha detto Walker in un tweet.

Le persone che sono maggiormente a rischio di infezione da coronavirus, come i portatori di handicap, i malati cronici e gli anziani, si sono avvalsi dei servizi di consegna a domicilio dei supermercati da quando l’epidemia ha iniziato a ridurre la possibilità di uscire per non essere esposti al virus.

La violenza di lunedì sera a Bristol non si è limitata ai furgoni.
La polizia ha riferito che le macchine venivano fatte a pezzi. “Riteniamo che un gruppo di adolescenti sia stato coinvolto in questi atti vandalici”, ha dichiarato l’ispettore capo Bristol Bristol Runacres in un comunicato.
“Ho un messaggio per loro, i loro genitori e tutori: rimanere a casa. Salva la vita.”

La violenza criminale è in aumento dall’inizio dell’epidemia.

Venerdì, Tommy Robinson è intervenuto quando un gruppo di giovani immigrati ha sputato e tossito su una coppia di anziani mentre andavano a fare la spesa.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento