Islam

Regno Unito: lo scrittore musulmano condanna “il brutale insensato assassinio del musulmano che ha decapitato l’insegnante da parte della polizia francese”

Regno Unito: lo scrittore musulmano condanna “il brutale insensato assassinio del musulmano che ha decapitato l’insegnante da parte della polizia francese”

Ora dice che era “sarcastico”. Va bene. Immaginate, tuttavia, quale sarebbe la protesta se un nemico della violenza jihadista e dell’oppressione delle donne da parte della Sharia giustificasse l’uccisione di uno di quei terroristi in gran parte fittizi di “estrema destra”.

Il fatto di schierarsi con i jihadisti e persino con gli assassini della jihad, tuttavia, è sempre più accettabile tra l’intelligenza occidentale.

Dana Nawzar Jaf è improbabile che subisca conseguenze per questa approvazione della pena di morte della Sharia per blasfemia diversa da alcuni tweet arrabbiati.

La sua argomentazione si riduce essenzialmente a dire che gli studenti non dovrebbero essere esposti a materiale che trovano offensivo.

Questo è già abbastanza grave di per sé, in quanto tutti gli studenti dovrebbero essere sfidati a considerare le loro ipotesi e diventare in grado di difenderli, o permesso di cambiare le loro opinioni se scoprono che ciò che hanno ritenuto vero era falso.

Ma l’analogia di negazione dell’Olocausto si rompe sul fatto che la negazione dell’Olocausto è una menzogna mostruosa, mentre le vignette di Maometto non sono né vere né false, ma espressioni della libertà di espressione, che è il fondamento di qualsiasi società libera.

‘brutale omicidio da parte della polizia’ del terrorista islamista che ha decapitato l’insegnante fuori dalla scuola francese “, di Abul Taher, Mail Domenica18 ottobre 2020:

“Uno scrittore britannico ha scatenato l’indignazione ieri sera condannando la polizia francese per aver ucciso il terrorista islamista armato che ha decapitato l’insegnante Samuel Paty.

Dana Nawzar Jaf, un ex studente ceceno dell’Università di Durham, ha messo in dubbio la decisione della polizia di uccidere il fanatico ceceno Aboulakh Anzorov, temendo che il terrorista avrebbe attaccato loro o altri.

Jaf, che si descrive come un attivista curdo, aveva scritto su Twitter: “Condanno pienamente il brutale insensato assassinio del sospetto musulmano da parte della polizia francese avvenuto la scorsa notte.

“Macron e il suo apparato di sicurezza dovrebbero spiegare all’opinione pubblica qual è stata la necessità di usare la forza sproporzionata contro qualcuno sospettato di un crimine con coltello. La Francia è in crisi”.

Jaf – uno scrittore occasionale per la rivista new statesman di sinistra, non ha condannato la decapitazione stessa….

Ieri sera, jaf, che si ritiene sia arrivato in Gran Bretagna come studente di scambio dall’Iraq nel 2009, ha dichiarato: “Non si trattava di una dichiarazione di fatto sulla polizia. Dovrebbe essere un commento sarcastico nei confronti di Macron, che è il numero uno del terrorismo”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento