Islam / Migranti / Politica / World News

RIVOLTA BLM: MARXISTI ATTACCANO LA POLIZIA BELGA, SACCHEGGIANO NEGOZI E APPICCANO INCENDI (video)

RIVOLTA BLM: MARXISTI ATTACCANO LA POLIZIA BELGA, SACCHEGGIANO NEGOZI E APPICCANO INCENDI (video)

Lo scorso sabato pomeriggio sono scoppiati violenti disordini nel centro della città belga di Liegi dopo una manifestazione marxista Black Lives Matter (BLM). Centinaia di radicali hanno saccheggiato negozi, attaccato la polizia e danneggiato gli edifici. Dieci rivoltosi sono stati arrestati e almeno 36 agenti sono rimasti feriti.

Il video rapporto sulla rivolta:

La manifestazione è arrivata dopo che una donna congolese è stata arrestata dalla polizia. La donna non solo ha resistito all’arresto, ma lunedì scorso ha aggredito fisicamente le autorità in place Saint-Lambert. Un video dell’arresto è stato condiviso sui social media senza alcun contesto, e ha provocato i radicali BLM anti-polizia,

Il video della polizia che arresta la donna:

I disordini sono iniziati intorno alle 16.m quando un gruppo di giovani attivisti della BLM ha aggredito un poliziotto motociclista. L’agente è rimasto ferito e ha dovuto essere portato in ospedale. Dopo l’attacco, la situazione si è gonfiata rapidamente, centinaia di radicali si sono diretti in piccoli gruppi e si sono saprsi in tutta la città. Hanno lanciato pietre contro gli agenti e preso di mira una stazione di polizia. Inoltre, i radicali hanno attaccato il municipio e distrutto ristoranti e negozi. Bidoni della spazzatura sono stati incendiati e le finestre sono state distrutte.

La polizia ha dispiegato unità aggiuntive e cannoni ad acqua, ai cittadini è stato chiesto di evitare il centro della città. Ai negozianti è stato chiesto di chiudere le loro attività. Durante gli scontri tra i rivoltosi e la polizia, i rivoltosi hanno lanciato pietre, bottiglie di vetro, cartelli stradali e scarpe; la polizia ha risposto con l’uso di gas lacrimogeni. I disordini sono durati per ore, ma intorno alle 20.m, l’ordine è stato ripristinato.

Lo scorso gennaio violenti disordini condotti da BLM e suprematisti islamici sono scoppiati a Bruxelles dopo la morte di Ibrahim, un migrante in custodia della polizia.

Il migrante stava filmando la polizia che imponeva misure di blocco del coronavirus in una stazione ferroviaria. Ibrahim si è rifiutato di rispettare la polizia e le loro richieste di interrompere le riprese. Ibrahim è fuggito dalla scena, ma è stato catturato dalla polizia e poco dopo è morto per un infarto provocato dalla droga che aveva ingerito.

Traduzione Video

Forte rivolta a Liegi: duecento teste calde saccheggiano negozi e aggrediscono la polizia.

A Liegi na protesta black lives matter, che è iniziata pacificamente.

All’inizio di questa settimana la causa è stata un arresto di una donna africana.

E in un certo momento due agenti sono arrivati in moto, e da dietro è arrivato un gruppo di giovani vestiti completamente di nero, e hanno colpito aggressivamente uno degli ufficiali.

L’agente è caduto a terra ed è finito sotto la sua moto.

Quindi eravamo lì in mezzo, e non sapevamo cosa fosse successo.

Ma i giovani erano molto arrabbiati, e cominciarono a lanciare pietre contro la gente.

L’agente ha dovuto essere portato in ambulanza in ospedale.

In precedenza la stazione di polizia e le auto della polizia sono state oggetto di lanci di pietre.

Successivamente, è rapidamente tutto e sfuggito di mano.

Diversi negozi sono stati saccheggiati e danneggiati.

Sono venuto fuori da Delhaize, ed erano ovunque, vestiti di nero con berretti e zaini, ma ovunque, davvero. E poi hanno aggredito il povero agente di polizia che dirigeva il traffico.

L’hanno colpito decine di volte, poveretto.

È vergognoso! — (EN) È vergognoso! —Ai residenti è stato consigliato di rimanere all’interno fino a quando non si ripristinerà la pace.

Ho chiamato la polizia, e hanno iniziato a colpirmi perché ho chiamato la polizia.

Sono impazziti; non pensano al benessere degli altri.

La polizia è sul posto in massa e schiera anche il cannone ad acqua.

Una decina di agenti sarebbero rimasti feriti.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento