Islam / Migranti / Politica

Scienziati svedesi perseguiti per aver dato prove scientifiche che la maggior parte degli stupri sono commessi da immigrati

Scienziati svedesi perseguiti per aver dato prove scientifiche che la maggior parte degli stupri sono commessi da immigrati

Un recente caso in Svezia potrebbe spiegare perché i politici e gli attivisti per i diritti umani spesso affermano che non ci sono prove scientifiche per una maggiore criminalità all’interno delle comunità di immigrati nelle società occidentali.

Un recente caso all’Università di Lund sta ora servendo come un chiaro esempio di ciò che accade quando le ricerche cercano di raccogliere prove scientifiche su questioni che potrebbero non supportare la narrativa politica ufficialmente sanzionata. Dimostra anche come i fondi siano limitati per studiare l’impatto dell’immigrazione, come la ricerca sull’argomento non sia consentita dalle università e come gli scienziati che disobbediscono alle restrizioni affrontino gravi persecuzioni.

Questo è ciò che è successo alla professoressa Kristina Sundquist dell’Università svedese di Lund, che insieme ad altri due colleghi, ha condotto una ricerca dettagliata sul profilo di coloro che commettono violenza sessuale in Svezia. La ricerca non era finalizzata a profilare razzialmente i trasgressori, come dicono gli stessi scienziati,ma hanno comunque scoperto alcuni fatti sul profilo etnico degli stupratori per caso.

La facciata della biblioteca universitaria di Lund in Svezia (fonte: Shutterstock).

Sundquist, che è la professoressa più citata della sua università per quanto riguarda la ricerca sociale, è ora indagata per aver pubblicato un rapporto di ricerca non autorizzato e potrebbe essere perseguita per essere giunta alla conclusione che la maggior parte degli stupri nel paese sono commessi da immigrati.

Ma cosa mostra la ricerca? I risultati pubblicati mostrano che gli immigrati non solo sono sproporzionatamente sovrarappresentati nei casi di stupro, ma nonostante siano una minoranza in Svezia, commettono la stragrande maggioranza della violenza sessuale. Questo nonostante il fatto che lo studio abbia analizzato solo casi tra il periodo del 2000 e il 2015, cioè prima dell’enorme afflusso di migranti del 2015 dal Medio Oriente e dall’Africa.

Hanno basato il loro studio su un campione di 3.000 condanne in casi di stupro. Come accennato in precedenza, l’obiettivo dello studio non era quello di indagare sul background etnico dei perpetratori, ma di vedere se ci sono denominatori comuni in questioni di salute, status sociale, occupazione, ecc. Le rivelazioni sul profilo etnico erano solo una scoperta accessoria, ma erano impossibili da ignorare.

“Gli immigrati erano solo una variabile, e si è rivelata una scoperta piuttosto notevole in quanto c’erano molti immigrati e persone nate all’estero in questo gruppo”, ha detto Kristina Sundquist.

La ricerca scientifica è stata condotta perché, come dice il documento nella sua introduzione, “la Svezia ha assistito a un aumento dei tassi di crimini sessuali tra cui lo stupro. La conoscenza di chi sono i colpevoli di questi crimini è quindi importante per la prevenzione”.

Durante l’analisi dei dati, le informazioni sui disturbi da uso di sostanze, sulla criminalità precedente e sui disturbi psichiatrici sono state recuperate dai registri svedesi basati sulla popolazione. Un totale di 3.039 trasgressori sono stati inclusi nell’analisi. La maggior parte di loro erano immigrati (59,2 per cento) di cui la maggioranza (47,7 per cento) erano nati al di fuori della Svezia. Lo studio ha raccomandato che la scoperta che la maggior parte dei trasgressori erano immigrati merita ulteriori indagini e ulteriori studi che tengano conto delle caratteristiche contestuali tra questi trasgressori.

Lo studio sottolinea anche che i tipi di crimini sessuali sono altamente sottostimati. Secondo i dati del Consiglio nazionale svedese per la prevenzione del crimine, nel 2019 ci sono stati 23.200 crimini sessuali segnalati alla polizia, di cui 8.820 (38%) sono stati stupri e stupri aggravati. Secondo l’annuale Swedish Crime Survey per il 2019, è stato stimato che il 5,6% della popolazione totale tra i 16 e gli 84 anni era stata vittima di crimini sessuali.

Non sorprende che più donne (9,4%) che maschi (1,4%) abbiano dichiarato di essere vittime di crimini sessuali. Lo stupro, che è il crimine sessuale più grave, è aumentato del 45,4% tra il 2008 e il 2018. Tuttavia, nonostante questi apparenti aumenti, il numero di trasgressori giudicati colpevoli di reati sessuali è stato abbastanza stabile tra il 2008, poiché il tasso di stupri risolti dalla polizia è diminuito significativamente dal 2009 (31%). In effetti, nel 2016, il tasso era basso (l’11 per cento).

Quasi la metà dei trasgressori sono nati al di fuori della Svezia (47,7 per cento), seguiti da delinquenti di origine svedese con genitori nati in Svezia (40,8 per cento). Una parte della coorte era costituita da delinquenti nati in Svezia con almeno un genitore nato al di fuori della Svezia (11,5%).

Per quanto riguarda i delinquenti nati in Svezia, un’alta percentuale di madri e padri è nata nei paesi occidentali (40,7% e 33,9%) seguita dal Medio Oriente / Nord Africa (19,8% e 24%). Il gruppo più numeroso della popolazione dello studio è stato trovato tra i trasgressori nati al di fuori della Svezia; una parte significativa proveniva dal Medio Oriente / Nord Africa (34,5 per cento) seguita dall’Africa (19,1 per cento). Una parte non trascurabile dei trasgressori (32,5%) ha ricevuto assistenza sociale e oltre un terzo ha avuto una bassa istruzione (37,3%). Il QI e i risultati scolastici erano disponibili solo per una parte della coorte e queste variabili mostravano livelli bassi per ciascuno di questi rispettivamente.

I risultati dello studio in realtà si allineano con la stessa tendenza trovata in altri rapporti e studi condotti in passato in Svezia per quanto riguarda l’aggressione sessuale e lo stupro di gruppo. Anche in altre aree criminali, come l’omicidio, i migranti sono ampiamente sovrarappresentati. Tali studi sono stati rari, ma fino ad oggi, nessuno è stato minacciato di procedimenti giudiziari per aver condotto ricerche scientifiche.

Il rapporto di ricerca condotto da Sundquist e dai suoi colleghi è stato presentato alla Commissione di ricorso per una revisione etica, un organismo che riferisce al Ministero dell’Istruzione svedese. Indagheranno se Sundquist e il Prof. Ardavan Khoshnood, il co-autore dell’articolo, hanno ricevuto una “licenza etica” per gestire “dati sensibili”.

Il Prof. Khoshnood ha risposto dicendo al portale svedese Samnytt: “È un peccato”, e ha aggiunto che sono accusati di “condurre e pubblicare ricerche illegali”.

“Lo scopo dello studio non era quello di scoprire com’è l’immigrazione. Sorprendentemente, questa variabile si è rivelata abbastanza importante e non sapevamo in anticipo cosa avrebbe mostrato lo studio. Volevamo creare un profilo del colpevole, per sapere chi è il tipico perpetratore”, ha detto.

Tuttavia, l’autorità etica sembra prepararsi a emettere una qualche forma di punizione relativa al caso.

“Non vedo da nessuna parte che si chieda il permesso etico per testare l’ipotesi se gli immigrati siano sovrarappresentati nelle statistiche sugli stupratori condannati”, ha detto il corpo. Gli scienziati sono stati anche criticati per la valutazione insufficiente in quanto non sono riusciti a indicare come la loro ricerca dovrebbe “ridurre l’esclusione e migliorare l’integrazione”.

In termini di integrazione, non è chiaro come nascondere il background sociale ed etnico degli stupratori “ridurrà l’esclusione e migliorerà l’integrazione”. Tuttavia, questi scienziati, uno dei quali è lui stesso di origine immigrata, devono ora dimostrare attivamente la loro innocenza.

Allo stato attuale, il caso contro questi scienziati può essere progettato come una tattica intimidatoria per conto delle autorità politiche e accademiche svedesi per mettere a tacere le prove basate sulla scienza che danneggiano gravemente la narrativa della società aperta sostenuta dai principali partiti politici svedesi. e che la violenza sempre più incontrollabile, compresa la violenza sessuale che si diffonde nella società svedese, è il risultato diretto delle decisioni politiche di una successione di governi pro-migrazione e anti-legge-ordine.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento