Islam

“Se non lo distruggi, il tuo matrimonio finirà”: l’antica statua del Buddha appena scoperta distrutta su ordine del religioso musulmano

“Se non lo distruggi, il tuo matrimonio finirà”: l’antica statua del Buddha appena scoperta distrutta su ordine del religioso  musulmano

PAKISTAN – Un video dell’atto, che da allora è diventato virale sui social media, ha mostrato i lavoratori edili, insieme a un religioso musulmano, distruggere la statua di Buddha usando una mazza a Takht Bhai in Pakistan.

In un altro video, una statua di Buddha recentemente scoperta è stata frantumata in pezzi dai lavoratori edili locali e da un religioso musulmano sabato in Pakistan. La reliquia fu scoperta mentre si scavavano le fondamenta di una casa nel distretto di Mardan, nella provincia di Tarca Pakhtunkhwa, in Pakistan, dominata dai Pashtun.

Un video dell’atto, che da allora è diventato virale sui social media, ha mostrato i lavoratori edili, insieme a un religioso musulmano, distruggere la statua di Buddha con una mazza. Si possono vedere distruggere lo status di Buddha a grandezza naturale mentre esprimono il loro odio contro il buddismo, che considerano anti-Islam.

Secondo i rapporti, la statua è stata distrutta per ordine di un religioso musulmano locale, che ha stabilito che è contro l’Islam. “Il tuo nikah cesserebbe di esistere e non sarai più un credente se la statua non sarà distrutta”, ha detto il religiioso alla gente del sito, che poi ha eseguito i suoi ordini distruggendo l’inestimabile reliquia, accidentalmente scoperta e in ottime condizioni.

I media locali hanno citato Abdul Samad, direttore dell’archeologia e dei musei, Khyber Pakhtunkhwa, che ha detto che le autorità hanno localizzato l’area, dove si è verificato l’incidente e coloro che sono coinvolti nel vandalismo saranno ritenuti responsabili. “Abbiamo localizzato la zona e presto avremo le persone coinvolte arrestate”, ha detto.

Quattro persone sono state arrestate in relazione al caso. Inizialmente la polizia è stata lenta a reagire. Ma quando il video è emerso sui social media e un gran numero di persone ha criticato l’azione, la polizia è entrata in azione e ha fatto gli arresti.

Takht Bhai era una volta la patria del buddismo

L’area in cui è stata scoperta la reliquia è conosciuta come l’area di Takht Bhai, nel distretto di Mardan, Khyber Pakhtunkhwa. Takht Bhai è una parte della civiltà Gandhara, dove il buddismo prosperò fino all’VIII o IX secolo, quando l’Islam iniziò a guadagnare terreno nella regione.
Dal 1836, quando fu scavato per la prima volta, gli archeologi hanno trovato centinaia di reliquie fatte di argilla, stucco e terracotta nella zona. Grazie al suo significato storico e religioso, è una destinazione popolare per i turisti buddisti provenienti da Sri Lanka, Giappone, Corea ecc. Il monastero buddhista è incluso nella Lista del Patrimonio Mondiale.

Incidente simile in Pakistan

Il mese scorso, in un incidente simile, le antiche incisioni rupestri buddhiste nella zona di Chilas del Gilgit-Baltistan del Pakistan, occupato dal Pakistan, sono state profanate dagli islamisti, che hanno dipinto bandiere e slogan pakistani sull’arte rupestre.

Secondo i rapporti, l’incidente è venuto alla luce quando la gente del posto di Gilgit-Baltistan ha pubblicato le immagini sulle piattaforme di social media. Gli islamisti avevano vandalizzato le incisioni rupestri scrivendo slogan islamici sull’arte rupestre che risale all’800 d.C.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento