Politica / World News

Slovenia: i manifestanti di sinistra usano i bambini come “scudo” per protestare nonostante il blocco

Slovenia: i manifestanti di sinistra usano i bambini come “scudo” per protestare nonostante il blocco

Migliaia di manifestanti di sinistra in bicicletta hanno attraversato la capitale slovena Lubiana ieri per protestare contro il nuovo governo populista di destra di Janez Janàa, in violazione del blocco in corso in risposta al coronavirus (COVID-19). Molti dei manifestanti portavano con sé i bambini come “scudo”.

I manifestanti hanno una litania di lamentele contro il nuovo governo, che si è insediato a marzo, compresi i presunti tentativi del governo di aumentare i poteri di polizia, l’erosione della democrazia, le misure anti-ambientali, il fallimento della loro risposta al coronavirus di Wuhan e l’incitamento all’odio contro i migranti. Hanno cantato slogan riferendosi al governo come “ladri” chiedendone le dimissioni.

La polizia ha riferito che circa 5.500 persone hanno partecipato alla protesta di Lubiana (i manifestanti stessi hanno rivendicato 20.000). Si è tentato di organizzare proteste anche in altre città slovene, ma la maggior parte sono state scarsamente frequentate; i cittadini hanno fischiato le poche dozzine di manifestanti che si sono presentati a manifestare a Maribor. Fonte: Slovene Nova24TV.

Tra i gruppi che hanno partecipato vi erano i partiti politici di sinistra Levica (la sinistra), i socialdemocratici, e la Lista di Marjan.
Alcuni rappresentanti di partito che avrebbero dovuto partecipare a una riunione del comitato per l’acquisto di attrezzature protettive di emergenza sono rimasti per partecipare alla protesta.
Tra i manifestanti sono stati avvistati anche membri di ONG, gruppi ambientalisti e migranti.
Tuttavia non è stato annunciato alcun organizzatore ufficiale, senza dubbio a causa del fatto che qualsiasi gruppo ne avesse rivendicato la responsabilità sarebbe stato accusato penalmente a causa del blocco.

La Slovenia ha ancora un divieto di riunioni pubbliche in atto, e la polizia ha detto che emetterà multe per il reato ai partecipanti.

La giornalista Mitja Ir’ià ha elogiato le persone che sono rimaste a casa invece di partecipare alla protesta e aumentare il rischio di infezione.
Ha aggiunto che l’obiettivo primario dei manifestanti era semplicemente quello di provocare una reazione da parte delle forze dell’ordine in modo che potessero affermare di essere vittime della repressione governativa.

Particolarmente scioccante è il fatto che, anticipando la possibilità di violenza da parte della polizia o dei contro-manifestanti, i manifestanti hanno effettivamente incoraggiato i partecipanti a portare i bambini con sé all’evento. Sui social media, i partecipanti sono stati incoraggiati ad “avere il maggior numero possibile di bambini con loro”, dal momento che “i bambini sono il nostro scudo”, secondo un altro rapporto di Nova24TV. Il messaggio ha sottolineato che “nessuno oserà attaccarci se abbiamo i bambini conm noi”.

La sinistra slovena ha cercato di minare il nuovo governo dal giorno in cui è entrato in carica. Alcuni politici di sinistra hanno persino attaccato gli sforzi del governo per contenere il coronavirus.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento