World News

Slovenia: I migranti illegali continuano a raggiungere l’UE attraverso la rotta balcanica

Slovenia: I migranti illegali continuano a raggiungere l’UE attraverso la rotta balcanica

Alcuni migranti illegali riescono ancora a superare le frontiere dell’Unione europea attraversando i Balcani, nonostante le chiusure delle frontiere in corso e i blocchi nazionali.

Nel mese precedente, la polizia slovena ha segnalato un totale di 111 migranti illegali arrestati. Fonte: Nova24TV.

57 migranti sono stati catturati durante il periodo delle vacanze pasquali nel quartiere della capitale di Lubiana.
La maggior parte dei migranti che entrano illegalmente in Slovenia hanno attraversato Kostel e Ko’evsko-ribni’ko.

I migranti entrano comunemente anche attraverso i comuni di Gorjanci e di Rornomelj.

Dal 30 aprile a oggi sono stati arrestati migranti illegali a Dolenja Podgora, Otok pri Vinici, Tan’a Gora, Podturn pri Dolenjske Toplice, Trebnje, Mirna, Grmovlje pri , e Loà pri Breice.

Il 2 maggio, 51 migranti sono stati arrestati nelle zone di Kostel, Koevje e Ribnica. Il 3 maggio altri 6 sono stati fermati a Ortnek e Lubiana. Tutti cittadini afghani e marocchini.

Quattro migranti pakistani sono stati catturati anche al valico di frontiera croato-sloveno a Obrezje, e sono stati restituiti alla parte croata.

La polizia di Koper ha riferito di aver arrestato 19 migranti a zaeje, a abie e Gabrovica, e li ha rimpatriati in Croazia.

La polizia slovena riferisce attualmente di avere procedure pendenti contro 6 afghani, 5 algerini, 9 iracheni e 11 marocchini.

Dall’inizio della crisi del 2015, la rotta balcanica è stata la via più comune scelta dai migranti che tentano di attraversare dal Mediterraneo alle nazioni più amichevoli e ricche dell’Europa nordoccidentale. Tuttavia, è da notare che i migranti riescono ancora a raggiungere la Slovenia nonostante le chiusure alle frontiere diffuse e le misure di blocco in tutta l’Europa meridionale.

Il governo ungherese prevede da mesi che, con l’arrivo della primavera in Europa, si stia preparando una nuova crisi dei migranti lungo la rotta balcanica. Il numero di migranti trovati sulla rotta è aumentato in modo significativo di recente.,

La nuova amministrazione del primo ministro Janez Janàa, che si è insediata a marzo, si è impegnata a porre fine all’immigrazione clandestina in Slovenia, ma sta incontrando resistenze da parte dei partiti di sinistra del paese.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento