World News

Sommosse di George Floyd: Meme e commenti sulla pacifica Europa centrale contro il caotico Occidente si diffondono sul web

Sommosse di George Floyd: Meme e commenti sulla pacifica Europa centrale contro il caotico Occidente si diffondono sul web

L’Europa centrale è rimasta sorprendentemente calma anche quando sono scoppiati disordini di massa nel multiculturale West, dove le proteste e le rivolte di George Floyd hanno lasciato le città negli Stati Uniti e nell’Europa occidentale nel caos, hanno causato miliardi di dollari di danni, e hanno lasciato molti agenti di polizia gravemente feriti e alcuni addirittura uccisi.

Gli utenti dei social media che credono che paesi come l’Ungheria, la Polonia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia, che hanno governi a guida conservatrice e che hanno rifiutato il multiculturalismo, il cambiamento demograficoe le ideologie liberali, hanno mantenuto la pace nei loro paesi mentre l’Occidente sembra pronto per un tracollo.

Anche se le proteste di Black Lives Matter e la violenza contro la polizia e le imprese hanno avuto origine negli Stati Uniti, l’Europa si trova ora sempre più di fronte a proteste di massa nonostante le misure di blocco volte a tenere sotto controllo il coronavirus.

In Gran Bretagna, la statua di Winston Churchill è stata deturpata durante una protesta di Black Lives Matter, e la BBC di sinistra ha descritto le proteste come “in gran parte pacifiche” anche se i racconti sui social media parlano di 27 persone ferite.

I manifestanti hanno colpito un cavallo della polizia, e il cavallo spaventato, ha causato la caduta di un ufficiale donna che ha sbatttuto contro un palo ferendosi seriamente.
Attualmente la poliziotta si sta riprendendo in ospedale con le costole in frantumi, un polmone collassato e una clavicola rotta, con la folla di manifestanti Black Lives Matter che applaudivano mentre accadeva l’infortunio quasi fatale.

I video di ufficiali britannici storditi e insanguinati in ritirata dalle proteste di George Floyd sembrava esemplificare una completa perdita di controllo.

La Gran Bretagna è uno dei paese in Europa che ha subito le proteste di massa, insieme a Belgio, Svezia e Francia tutti sommersi dalla violenza significativa dei “pacifici” manifestanti Black Lives Matter.

Al contrario, i paesi dell’Europa centrale, in particolare Polonia, Ungheria, Slovacchia e Repubblica ceca, non hanno visto praticamente proteste, e nel caso in cui si sono riuniti pochi manifestanti, hanno concluso la manifestazione senza incidenti.

Un evento di Black Lives Matter su Facebook è stato pianificato per Budapest in Ungheria, con solo tre espatriati bianchi statunitensi che hanno espresso il loro interesse a partecipare prima che rimuovessero l’evento da Facebook.

L’account Twitter Visegard24, che mette in evidenza l’alleanza Visegard di Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovania, ha notato la differenza nel modo in cui i nazionalisti in Polonia protestano contro i manifestanti di sinistra in paesi come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

I politici conservatori che guidano l’Europa centrale, in particolare in Polonia, Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca, hanno respinto con forza le condizioni che hanno portato alla rottura in altri paesi occidentali. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha spesso osservato che l’Occidente si sta deteriorando sotto la correttezza politica, la politica dell’identità e il cambiamento demografico.

“Se l’Europa non sarà popolata dagli europei in futuro e lo prendiamo come dato, allora stiamo parlando di uno scambio di popolazioni, per sostituire la popolazione degli europei con gli altri”, ha detto Orbàn in un vertice demografico nel 2019. “Ci sono forze politiche in Europa che vogliono una sostituzione della popolazione per motivi ideologici o di altro tipo.”

Orbàn ha osservato che la correttezza politica non proteggerà le persone e che culture sempre più contrastanti presentano conflitti e tensioni che non sono presenti in Ungheria. Il leader ungherese ha detto che rispetto ad altri paesi europei, ci sono poche “persone con background culturale diverso dal nostro” in Ungheria. Ha anche detto che i pochi migranti del paese hanno rispettato le leggi del paese, lavorano sodo e vogliono trovare il loro posto nella società ungherese. Ha continuato che non ci sono problemi con le minoranze che attualmente vivono in Ungheria e il loro numero non sta crescendo ad un ritmo che “ci darebbe un mal di testa”

Recentemente, ha criticato il Partito popolare europeo, il partito conservatore di centro-destra del Parlamento Euroepao a cui appartiene il suo partito Fidesz, in quanto non abbastanza conservatore.

“Abbiamo rinunciato al modello di famiglia basato sul matrimonio di una donna e di un uomo, e siamo caduti nelle braccia dell’ideologia di genere. Invece di sostenere la nascita dei bambini, vediamo la migrazione di massa come la soluzione al nostro problema demografico”, ha scritto Orbàn.

Orbàn ha detto che il partito deve opporsi alle forze dei media allineate contro i conservatori. Tuttavia, egli sostiene che non sono solo i cambiamenti demografici in cui si scontrano le culture che preannunciano il disordine, ma anche una mancanza di rispetto per la polizia, insieme a un crescente assalto da parte dei media ai valori conservatori.

“Non ci identifichiamo come vecchi e grandi europei, e affrontiamo la lotta contro le forze intellettuali liberali di sinistra e i media che influenzano e controllano”, ha scritto Orbàn al PPE in una lettera aperta.

Mentre la polizia è in ginocchio con i manifestanti negli Stati Uniti e in altri paesi, Orbàn ha anche espresso pieno sostegno alla polizia di quei paesi e ha sottolineato che si trovano di fronte a disordini.

Orbàn ha detto durante il discorso fatto in occasione della celebrazione dei 100 anni della forze di polizia Ungherese :

“La lingua ungherese può creare immagini adatte e potenti. L’ungherese usa una sola parola per stare con in piedi per terra [helyt’llàs]. Questo è quando qualcuno offre pienamente ciò che ci si aspetta da loro in qualsiasi situazione.
Sì, gli ex e gli attuali membri delle forze di polizia ungheresi sono legati dalla loro capacità di mantenere la loro posizione nell’adempimento dei loro doveri”.

Orbàn ha detto che la polizia è necessaria e garantisce la sicurezza degli ungheresi, e ha sottolineato che ” le vostre regole costituzionali, l’ordine costituzionale e il sistema governativo vedono l’esistenza e il lavoro della polizia come necessari – nell’interesse della comunità – nel trattenere, e in effetti disciplinare, il lato peggiore a volte dominante del nostro io interiore, le nostre violente esplosioni e la nostra avidità predatoria. Non solo fornisce moderazione e disciplina, ma – nella speranza di un giusto processo e di giudizio – consegna ai tribunali chi respinge le regole per proteggere la nostra comunità”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento