Opinioni / Politica

Sopravvissuto all’Olocausto supplica: “Svegliatevi, per favore – stiamo perdendo le nostre libertà” (Video)

Sopravvissuto all’Olocausto supplica: “Svegliatevi, per favore – stiamo perdendo le nostre libertà” (Video)

Nel febbraio 2022, l’Austria costringerà i suoi cittadini a prendere il “vaccino” o ad affrontare multe o potenziali pene detentive per non averlo fatto.

Nick Hope, un sopravvissuto all’Olocausto di 97 anni imprigionato nel campo di concentramento nazista di Dachau, sta mettendo in guardia contro le misure autoritarie e totalitarie del governo austriaco sul Covid. “Quando guardo le notizie in Austria, vedo lo spirito di Hitler, lo spirito di forza che arriva”, dice in un videomessaggio.

Nel novembre 2021, il cancelliere federale austriaco non eletto, Alexander Schallenberg,ha annunciato il blocco per i non vaccinati. Poco dopo, il governo austriaco ha posto l’intero paese sotto un rigoroso blocco di 20 giorni. Sebbene il blocco generale si concluda il 12 dicembre, rimarrà in vigore per coloro che non sono stati vaccinati con i sieri di mRNA a tempo indeterminato.

Il controverso cancelliere ha ora annunciato che il suo governo costringerà tutti i residenti a fare l’iniezione di terapia genica mRNA. Coloro che rifiutano dovranno affrontare pesanti multe e possibili pene detentive a partire da febbraio 2022.

Hope teme che la misura tirannica dell’Austria arrivi anche negli Stati Uniti, dove ora vive. “Perché a poco a poco stiamo perdendo le nostre libertà. Per favore, pregate, svegliatevi, per favore” implora, il sopravvissuto all’Olocausto.

Mentre l’Austria è il primo grande paese a imporre la vaccinazione obbligatoria a tutti i cittadini, altri leader hanno espresso apertura all’idea.

Negli ultimi giorni, anche la Germania si è mossa verso una politica vaccinale obbligatoria. Il cancelliere tedesco olaf Scholz, di sinistra, ha dichiarato che avrebbe sostenuto un mandato sui vaccini e lo avrebbe votato nel parlamento tedesco.

Mercoledì scorso, Ursula von der Leyen, capo della Commissione europea, ha dichiarato alla stampa che è favorevole alla demolizione del Codice di Norimberga di lunga data e a costringere le persone a ottenere il vaccino di terapia genica.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento