World News

Stati Uniti: L’Università di Rhode Island sta per rimuovere i murales della seconda guerra mondiale perché “hanno troppi bianchi”

Stati Uniti: L’Università di Rhode Island sta per rimuovere i murales della seconda guerra mondiale perché “hanno troppi bianchi”

A causa delle lamentele degli studenti di colore circa la mancanza di diversità in diversi murales raffiguranti eventi durante la seconda guerra mondiale, l’Università del Rhode Island ha deciso di rimuovere i dipinti prodotti da Arthur Sherman, un veterano della seconda guerra mondiale ed un ex studente presso l’università.

Secondo alcuni studenti, i murales di 70 anni fa non sono compatibili con i valori di inclusività dell’università. Il Vice Presidente degli Affari Per Gli Studenti della scuola ha confermato la loro rimozione, aggiungendo che alcuni studenti hanno detto di non “sentirsi a proprio agio seduti in quello spazio”.

Lo scopo dei murales, che ritraggono varie scene dei veterani che tornano negli Stati Uniti e una riunione di classe dell’Università del Rhode Island, è quello di onorare il rispetto per coloro che hanno perso la vita nella seconda guerra mondiale.

Le scene includono militari che tornano dopo la guerra, persone su una spiaggia, una cerimonia di inizio dell’università e studenti che indossano i loro maglioni all’interno di un veicolo, secondo l’affiliato di notizie locale ABC 6.

“Ho ricevuto lamentele sui murales che ritraggono una popolazione molto omogenea, le persone dipinte e rappresentate sulla parete sono prevalentemente bianche e questo non rappresenta la nostra istituzione oggi”, ha detto Kathy Collins, Vice Presidente degli Affari Per Gli Studenti dell’Università del Rhode Island.

I murales presentano per lo più bianchi probabilmente a causa del fatto che la maggior parte dei combattenti coinvolti nella seconda guerra mondiale dagli Stati Uniti erano bianchi.

Gli stati del New England vicino al Rhode Island, come il New Hampshire e il Maine, sono al 95 per cento popolati da bianchi ancora oggi, mentre negli anni ’50 questi stati erano ancora più omogenei.

Il murale di quasi 70 anni fa sarà cancellato per la mancanza di reclam sulla diversità

L’università ha coperto i murales di Sherman con striscioni scolastici e il piano è che i murales storici rimangano coperti fino al termine dei lavori di ristrutturazione dell’edificio in cui sono in mostra.

Il pittore dietro i murales, il 95enne Arthur Sherman, era un membro della classe 1950 dell’Università del Rhode Island e li dipinse nel 1953.

Quando gli è stato chiesto dei murales, Sherman ha detto che amava dipingerli.

“Beh, ha rappresentato quell’epoca,” disse Sherman, ricordando che molti studenti o i suoi amici “sarebbero venuti a dire perché non lo fai, perché non lo fai, quindi è quello che ho fatto”.

Sherman ha anche sottolineato che non ha mai avuto alcuna educazione pittorica formale nel fare i dipinti e ha sempre fatto solo cartoni animati.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento