World News

Svedesi accoltellati al Burger King per aver chiesto ai migranti di non abusare del personale

Svedesi accoltellati al Burger King per aver chiesto ai migranti di non abusare del personale

Una lotta con i coltelli tra migranti e svedesi, avvenuta in un Burger King a Uppsala, in Svezia, è stata catturata in un video e pubblicata da Samhällsnytt. ”

Samhällsnytt ha parlato con Ricky, la vittima, che racconta di come lui e i suoi amici avevano chiesto alla banda che stava molestando i cassieri di calmarsi.

Sfortunatamente, i migranti non hanno ascoltato, si sono arrabbiati e sono diventati aggressivi, quindi hanno minacciato di pugnalare gli svedesi, cosa che hanno fatto in seguito.

Ricky, che ha 29 anni, afferma che quando lui e il suo gruppo sono arrivati alla cassa, notarono che il gruppo di migranti stava molestando e abusando verbalmente dei lavoratori del ristorante.

I migranti, che avevano tra i 20 e i 25 anni, apparentemente dicevano “figlio di puttana”, “zitto” e “porta il nostro cibo qui velocemente” in un modo molto aggressivo.

Gli svedesi hanno quindi chiesto alla banda di calmarsi, dicendo loro che “i cassieri sono persone che lavorano, quindi comportatevi bene

Quindi uno dei migranti ha urlato di “stare zitto” all’amico di Ricky e ha minacciato di pugnalarli. Ricky ha risposto: “Non dici al mio amico di stare zitto“.

Prima che la situazione sfuggisse di mano, i due gruppi si sono allontanati l’uno dall’altro.

Il conflitto sembrava essere finito. Tuttavia, pochi minuti dopo i migranti sono tornati ripetendo che avrebbero pugnalato gli svedesi.

Ho quindi preso una sedia l’ho alzata in aria e l’ho avvertito di stare lontano da noi. Ma mi hanno ignorato e poi abbiamo iniziato a combattere.

Nel video si può vedere che quando Ricky mette giù uno dei migranti, un altro arriva e lo trafigge alla schiena.

Ricky è stato pugnalato alla schiena, alla spalla e alla parte superiore del braccio mentre il suo amico soffriva di una costola schiacciata e di un buco nel sacco polmonare. È ancora in ospedale.

Quando gli è stato chiesto se si sente al sicuro in città, Ricky ha risposto che Uppsala non è più sicura e che non vuole che i suoi futuri figli crescano lì. Per Ricky, l’insicurezza della città “è dovuta a questi individui deboli che sono così codardi che devono portare con loro un coltello, sono aggressivi nei confronti dei lavoratori, sono i tipi che attaccano gli altri che non hanno fatto nulla di male. ”

I violenti autori sono scomparsi dalla scena quando è arrivata la polizia. Il servizio stampa della polizia non ha attualmente informazioni concrete su nessuno dei migranti.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento