Islam / World News

Svezia: “giovane” afghani condannato per aver stuprato una ragazza di 14 anni

Svezia: “giovane” afghani condannato per aver stuprato una ragazza di 14 anni

Un tribunale svedese ha ordinato l’espulsione del richiedente asilo afghano dopo averlo riconosciuto colpevole di aver brutalmente violentato una quattordicenne a Jakaping.

Shokrallah Shahzad, un cosiddetto “bambino migrante non accompagnato” che afferma di avere 16 anni, è stato riconosciuto colpevole di aver attirato la vittima nel bosco e di averla violentata, Fonte: Samh’llsnytt

Dopo aver separati la vittima dai suoi amici e averla attirata nel bosco, Shokrallah ha iniziato a toccarla e la costrinse a baciarlo.

La vittima protestò, dicendo al migrante di nome Shokrallah che non era interessata, ma l’afgano si rifiutò di smettere; anzi, le strappò i pantaloni e la gettò per terra, dove la stuprò finché non cominciò a sanguinare.
Lo stupro fù interrotto da uno degli amici della vittima che fece fuggire spaventato Shokrallah.

La stessa notte la polizia è riuscita a rintracciare l’autore e lo ha arrestato.

Il procuratore Linda Schàn ha classificato il reato come “grave stupro contro una bambina”. Secondo Schàn, Shokrallah ha commesso lo stupro con violenza, sconsideratezza e crudeltà.

Il 27 gennaio 2020 la Corte distrettuale di Jakaping ha giudicato Shokrallah colpevole di “stupro contro una bambina”, e lo ha condannato a 120 ore di servizio sociale e alla sua espulsione dal paese vietandogli di rientrare fino al 2027.
Il tribunale ha ordinato inoltre a Shokrallah di pagare 115.000 SEK (10.500 €) per danni alla vittima.

Condividi questo Articolo

1 Comment

  1. A SCUOLA,ALLE BAMBINE BISOGN DARE INFORMAZIONE,CHE SONO PERICOLOSI,DI UN ALTRA CULTURA AGRESSIVA CONTRO DONNE E BAMBINE,CHE FIDARSI DI LORO NON SI PUO,QUANDO TI CHIAMANO-DEVEìI SUBITO CHIAMARE ADULTI O POLIZIA

Lascia un Commento