Islam / World News

Svezia: migrante somalo stupra ragazzina di 12 anni

Svezia: migrante somalo stupra ragazzina di 12 anni

Un migrante somalo di 40 anni, è stato accusato ieri di aver stuprato mercoledì una ragazzina di 12 anni, è la seconda volta che aggredisce sessulamente delle ragazze.

Il somalo è in Svezia dal 2005 e ha ottenuto la cittadinanza svedese nel 2014, i registri del tribunale indicano che è un traduttore, secondo un rapporto di Nyheter Idag.

Il 25 giugno 2018, lo stesso uomo era stato condannato per aver aggredito sessualmente una dodicenne. Nell’aprile 2017, ha incontrato la ragazza alla fermata dell’autobus e le ha chiesto di aiutarlo a trovare una chiave persa. Quando la ragazza gli negò l’aiuto, la minacciò con un coltello e la portò in uno scantinato, dicendole che l’avrebbe uccisa se non avesse taciuto prendendo il suo cellulare, che poi distrusse. Il somalo poi costrinse la ragazza a spogliarsi e la molesò mentre indossava guanti di plastica.

Il somalo è stato condannato a un anno e nove mesi di carcere per tale reato ed era stato rilasciato solo di recente.

Mercoledì, un’altra ragazza è stata aggredita in un parco a Norrkoping, nella Svezia orientale. Dopo una caccia all’uomo, gli agenti di polizia hanno visto il somalo scendere da un treno vicino alla scena del crimine indossando abiti sporchi di fango, e quando è stato fermato è stato trovato in possesso del cellulare della ragazza stuprata. Portava anche guanti di plastica identici a quelli che aveva usato nell’aggressione del 2017.

Le aggressioni sessuali commesse da migranti sono diventate frequenti in Svezia. L’anno scorso, quattro migranti africani sono stati accusati di aver violentato una ragazzina svedese di 13 anni nella contea di Erebro.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento