Migranti / Politica / World News

Svezia: Scrittore di successo perde il lavoro per un tweet critico sull’immigrazione

Svezia: Scrittore di successo perde il lavoro per un tweet critico sull’immigrazione

Un popolare scrittore svedese ha perso il suo lavoro in un giornale per un post scritto su tweetter all’inizio di questa settimana. Il post criticava le politiche di immigrazione della sua contea.

Mats Skogkàr è uno scrittore editoriale popolare per Sydsvenskan, un quotidiano che identifica il suo orientamento politico come “liberale indipendente”.

Mercoledì, ha scritto un tweet sul suo account privato che diceva:

“Quando si vede l’eccitazione quasi sessuale della sinistra per le rivolte negli Stati Uniti – il saccheggio, gli incendi e la violenza – diventa anche più facile capire la sua ricerca di creare condizioni simili attraverso l’immigrazione qui, attraverso una grande sottoclasse di immigrati, etnici e segregati.”

Il tweet ha chiaramente avuto una grande risonanza per molti svedesi, dal momento che a partire dal momento in cui è stato scritto ha avuto più di 3.000 like ed è stato condiviso più di 800 volte. Ma non andava bene per la sinistra svedese, né per i datori di lavoro di Skogkàr.

“Questo è un tweet che va ben oltre il limite”, ha risposto Jonas Kanje, caporedattore di Sydsvenskan, in un tweet tutto suo.

“Questo è un modo di esprimersi che non puè essere consentito da Sydsvenskan. Prendiamo le distanze da quanto scritto da Mats Skogkàr”.

Sydsvenskan ha annunciato che Skogkàr sarà spostato in una “posizione che non prevede la scrittura di articoli sul giornale”.

Ma Skogkàr si rifiuta di accettare il suo licenziamento.
“Credo che le mie azioni rientrino nell’ambito dell’ampia libertà di espressione che si applica in Svezia”, ha detto secondo un rapporto di Fria Tider.

Non è la prima volta che i giornali svedesi disciplinano i dipendenti per essersi rifiutati di rispettare le linee svedesi sull’immigrazione.

Nel 1993, il giornale Expressen licenziò il suo caporedattore, Erik Mansson, per aver pubblicato i risultati di un sondaggio che mostrava che molti svedesi erano in disaccordo con le politiche di immigrazione di massa del paese.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento