World News

Svezia: Un migrante uzbeko celebrato come “modello di integrazione” arrestato per terrorismo

Svezia: Un migrante uzbeko celebrato come “modello di integrazione” arrestato per terrorismo

Mercoledì scorso, un immigrato uzbeko è stato arrestato dalle autorità di Östersund, in Svezia perchè sospettato di preparare un atto terroristico.

Il migrante uzbeko, in passato, era stato additato come un brillante esempio di integrazione da un giornale svedese locale.

L’uomo, che è sulla trentina, è stato segnalato alla guida, fermato dalla polizia sono stati trovati elementi nella sua auto, che provavano i preparatrivi per un potenziale omicidio.

Dopo l’arresto, sia l’ufficio del pubblico ministero che la polizia di sicurezza svedese Sapo sono stati in grado di collegare un potenziale movente terroristico alle azioni del uzbeki.

Il migrante per la prima volta in Svezia nel 2012 ha richiesto asilo perchè la sua vita e quella dei membri della sua famiglia era in pericolo dopo che il padre aveva denunciato un boss mafioso. Successivamente ha confessato che la storia era inventata.

Per il solo fatto che Usmanov e sua moglie erano stati in grado di imparare lo svedese e ottenuto un posto di lavoro come assistenti sanitari era degno di lode per un giornale “buonista” tanto da portarlo come esempio di integrazione multiculturale.

Dopo essere stato arrestato, Usmanov ha confessato che stava preparando un attacco terroristico perché si sentiva minacciato e sotto pressione; di conseguenza, il procuratore Henrik Olin ritiene che almeno un’altra persona è coinvolta.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento