Migranti

Svezia: il deputato pro-migrazione Hanif Bali indagato per aver fatto pressioni su ragazze minorenni per foto di sesso e nudo

Il partito moderato svedese ha sospeso le indagini interne su uno dei suoi parlamentari che è stato accusato, tra le altre cose, di aver fatto pressioni su un’adolescente per fare sesso con lui. Invece, il partito ha esortato la ragazza e la sua famiglia a portare la questione alla polizia. La vittima, di 17 anni, sostiene che dopo aver inizialmente incontrato Bali alcuni mesi prima, ha tentato di convincerla a fare sesso con lui, le ha chiesto di inviare foto di nudo e ha promesso di aiutarla a entrare nella politica svedese in futuro, riferisceExpressen . Aveva 15 anni al momento dell’incidente, secondo SVT. “Nel caso di specie, diverse informazioni – indipendentemente da ciò che è vero o meno – sono del tipo che dovrebbero essere processate in tribunale, piuttosto che ...

SPACCIATORI AFRICANI PESTANO VIGILESSE PER IMPEDIRE ARRESTO, PRESE A BOTTIGLIATE: “LASCIATECI SPACCIARE”

È successo ieri 19 settembre alle 15:30, quando, in via Pré, all’altezza dell’incrocio con via delle Fontane, la squadra ha notato la cessione di stupefacente tra due individui extracomunitari. Gli agenti sono intervenuti e sono riusciti ad acciuffarne uno, ma i presenti, connazionali del pusher, li hanno fatti oggetti di un fitto lancio di bottiglie, ferendone tre. Gli agenti, per sottrarsi ai lanci e portare a termine l’arresto, hanno fatto uso di spray urticante. L’IMMIGRATO ha ingerito ovuli e sarà piantonato in ospedale fino a quando non li espellerà. L’arrestato è un senegalese di 39 anni, irregolare sul territorio nazionale, colpito da decreto di espulsione della Questura di Sassari, pregiudicato per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale. Identificato e ricercato l’uomo che ha c...

È MORTO L’ITALIANO SGOZZATO DA ISLAMICO A MILANO: COSÌ I TUNISINI AMMAZZANO GLI ITALIANI NELLA CITTÀ DI SALA

È morto l’uomo di 36 anni, Luigi Danesi, che nel pomeriggio di ieri è stato accoltellato alla gola a Cesano Boscone, nel Milanese, sotto il palazzo dove abita l’ex moglie con la madre. L’omicida, un tunisino attuale compagno della donna, si è dato alla fuga. Una profonda coltellata alla gola. La vittima, un italiano di 36 anni (ne avrebbe compiuti 37 a novembre), fa solo in tempo a spostarsi di qualche metro. Poi crolla al suolo. L’immigrato che lo ha accoltellato, un tunisino, scappa dall’altra parte del cortile. La vittima è stata soccorsa da alcuni inquilini del palazzo ma è morta durante il trasporto all’ospedale Niguarda. «Abbiamo sentito gridare, persone che litigavano. Io e mia mamma siamo scese con alcune salviette e una bottiglia d’acqua per cercare di fermare l’emorragia», raccon...

VELIERO ISLAMICO SCORTATO A TERRA

Nel video si vede il veliero con a bordo 52 clandestini, a poche decine di metri dal litorale di Lido Marini. L’imbarcazione da lì è stata scortata dalla guardia di finanza a Santa Maria di Leuca. Intanto, nelle campagne ugentine, sarebbero stati acciuffati i due presunti scafisti. L’invasione islamica prosegue senza sosta. Velieri e barconi. E anche in marcia a Trieste.

UN’ALTRA RAGAZZINA VIOLENTATA SUL TRENO DA UN MIGRANTE

Una ragazzina di 15 anni, che venerdì sera era a bordo del treno Roma-Civitavecchia, è stata molestata sessualmente da un indiano di 34 anni senza fissa dimora. Anche questo, secondo Lamorgese, può accadere ovunque. Ma avviene sotto ai suoi occhi, in Italia. Ormai è quotidiano: stuprano, sgozzano e macellano. L’immigrato le è prima saltato addosso e ha poi provato a baciarla e palpeggiarla. La minorenne è riuscita a divincolarsi ed è fuggita su un altro vagone chiamando al telefono la mamma. La donna ha avvisato subito i carabinieri che alla stazione di Campo di Mare hanno soccorso la ragazza e fermato il 34enne. Sottoposto a fermo di indiziato di delitto dai carabinieri di Santa Severa, l’indiano è stato portato nel carcere di Regina Coeli. Cosa ci fa un immigrato indiano in Italia che no...

LAMORGESE REGALA 250MILA EURO ALLE COOP PER AIUTARE I CLANDESTINI DURANTE IL VIAGGIO IN ITALIA

Ci sarà una nuova base per i clandestini in Valsusa ad Oulx. Lo Stato finanzia una struttura che aiuti i clandestini nel loro viaggio! Lo annunciano la Prefettura di Torino. La Fondazione Magnetto acquisterà un edificio dai salesiani vicino alla Stazione Ferroviaria e alla Caserma dei Carabinieri. I nuovi spazi saranno utilizzati da associazioni e cooperative per l’accoglienza dei clandestini da e per la Francia. A pagare il conto saranno i cittadini italiani attraverso la Prefettura sperperando, solo da qui alla fine dell’anno, ben 240mila. Il rifugio così acquista ulteriore consistenza e spazi diventando di fatto definitivo e punto di passaggio nelle rotte migratorie internazionali. Nelle prossime settimane verrà strutturata l’assistenza in attesa dell’inverno, periodo nel quale è sostan...

18ENNE EGIZIANO ACCOLTELLA A MORTE UN RAGAZZO A MILANO

Il fendente alla scapola destra. Un ragazzo a terra in un lago di sangue e uno in fuga. L’immigrato in fuga. L’indagine-lampo e il fermo di polizia giudiziaria per tentato omicidio. Nella notte bloccato un diciottenne egiziano, accusato di aver accoltellato un coetaneo sabato sera in pieno centro. L’attacco nell’area di piazza Mercanti, già finita nel mirino prima dell’estate proprio per le continue risse tra gruppi di giovanissimi figli di immigrati.

VIOLENTATO PER SEI ORE CON UNA BOTTIGLIA DA IMMIGRATI: IL MAGISTRATO LO ACCUSA DI RAZZISMO

Kenny Friberg, 21 anni, è stato derubato e violentato da una banda di immigrati per sei ore a Malmo, in Svezia. Tra le altre cose, una pistola premuta in bocca e sodomizzato con una bottiglia di vetro. Incrediblmente, Kenny è stato condannato per “incitamento all’odio razziale” durante il processo, quando ha reagito verso gli autori che lo stavano deridendo in aula. Dopo sei ore di torture – che sono state filmate e pubblicate sui social media – è riuscito a fuggire gettandosi nel canale di Malmö. Kenny era completamente devastato quando il servizio di soccorso lo ha tirato fuori dal canale. Era convinto che sarebbe morto e durante il sequestro è riuscito a mandare un sms a sua madre dicendo che l’amava. In seguito, l’umiliazione è continuata, attraverso il sistema legale svedese. Gli auto...

300 ISLAMICI AL GIORNO PASSANO IL CONFINE A TRIESTE. POLIZIOTTI: “IL GOVERNO VE LI NASCONDE”

Criminali e positivi. L’assalto al confine orientale è quotidiano. Un esercito invasore e ostile passa la frontiera con la fattiva collaborazione di uno Stato accondiscente. La cosiddetta rotta balcanica con capolinea Trieste. L’importante è che non si fermino, che passino senza clamore fino al capolinea. In Italia, a Fernetti, al commissariato di Polizia di Opicina dove confluiscono dopo essere stati intercettati dalle pattuglie dell’Esercito. Stime non ufficiali parlano di 300 (!) clandestini al giorno. Un fiume. Pochi giorni fa, invece di rimandarli in Slovenia, come la Francia fa con noi, i militari hanno consegnato ai colleghi della polizia di Opicina due gruppi di clandestini: venti nepalesi e 51 afghani, partiti dall’Afghanistan tre anni fa. E ora che finalmente c’è la pace a Kabul,...

MIGRANTI ARMATI DI ASCE E TUBI DI FERRO SFASCIANO AUTO

I due hanno terrorizzato un intero quartiere. Nelle prime ore della mattinata di giovedì 16 settembre la Polizia di Stato è intervenuta a Porto Sant’Elpidio, dove un 40enne è stato tratto in arresto per una serie di reati. Intorno alle 6.30, gli agenti si sono recati in via Canada a seguito delle segnalazioni ricevute da diversi residenti, i quali avevano notato due uomini che stavano danneggiando le automobili in sosta con un tubo di ferro. La coppia è stata intercettata a bordo di un’automobile. Alla vista delle forze dell’ordine, l’individuo seduto sul sedile del passeggero è sceso immediatamente dalla vettura, scappando a gambe levate e facendo perdere le proprie tracce. Il conducente, invece, è stato bloccato dai poliziotti dopo aver opposto una strenua resistenza. Anche dopo essere s...

TUNISINI PADRONI DI LIVORNO: NESSUN ARRESTO DOPO LA GUERRIGLIA E LE DEVASTAZIONI

Nessun arresto per le devastazioni nordafricane a Livorno. Sei giovani identificati e indagati per la guerriglia di mercoledì sera tra via Buontalenti e via del Fante. Sequestrati – nel blitz avvenuto all’alba di ieri – pugnali e coltelli che gli investigatori hanno trovato negli appartamenti dove vivevano i sospettati, nella zona della Guglia e Colline. È questo il primo bilancio dell’indagine lampo condotta dalla procura di Livorno e affidata a un pool di agenti e carabinieri per dare una risposta il più rapida possibile dopo lo scontro tra bande avvenuto mercoledì sera, quando una quarantina di persone – probabilmente giovani tunisini – si è affrontata intorno alle 21.30 con mazze, spade, coltelli e armi in pieno centro, lasciando alle proprie spalle paura e devastazione. Un’inchiesta a...

Adolescente “vulnerabile” violentata e usata come “merce” dagli islamici

Un’adolescente “vulnerabile” è stata venduta e abusata sessualmente da tre uomini che l’hanno usata come “merce” per il proprio piacere. Mohammed Kammer, Nahman Mohammed e Wiqas Mahmud sono accusati di aver violentato la ragazza nella zona di Huddersfield quando aveva 14 e 15 anni. Gli uomini hanno fatto sentire speciale la ragazza e l’hanno drogata con bevande e droghe fino a quando non è stata “completamente corrotta” e le hanno fatto sentire che non aveva altra scelta che sottomettersi all’attività sessuale, è stato detto alla giuria. Kate Batty, aprendo il caso per l’accusa, ha dichiarato: “Questo caso ha coinvolto lo sfruttamento sessuale di una giovane ragazza nella zona di Huddersfield tra il 2005 e il 2008. ...