Politica

Tagli alle tasse: Il governo polacco introduce lo “scudo anti-inflazione”

Tagli alle tasse: Il governo polacco introduce lo “scudo anti-inflazione”

Il primo ministro Mateusz Morawiecki ha annunciato giovedì le principali caratteristiche di un nuovo programma economico destinato a contrastare e ammorbidire l’impatto dell’aumento dell’inflazione.

Ha spiegato che c’erano alcune ragioni per la crescita dell’inflazione, non solo in Polonia ma anche in tutta Europa. Tra i motivi elencati ci sono i prezzi del gas russo e l’aumento dei prezzi del gas per abbinare le emissioni di CO2.

Il primo ministro ha sottolineato che l’inflazione è al massimo degli ultimi 28 anni, non solo in Polonia, ma ha detto con rassicurazione che il governo polacco sta facendo tutto ciò che è in suo potere per aiutare i polacchi a sopravvivere alla situazione.

Ha annunciato che la tassa sul carburante sarà abbassata al minimo consentito dall’Unione Europea per cinque mesi, a partire dal 20 dicembre 2021.

L’imposta sul valore aggiunto (IVA) sul gas sarà ridotta dal 23% all’8% da gennaio a marzo. L’IVA sull’elettricità nei primi tre mesi del 2022 scenderà al 5% dal 23%. Inoltre, non ci sarà alcuna accisa sull’elettricità per le famiglie.

Inoltre, le famiglie riceveranno un sostegno finanziario sotto forma di pagamenti testati sul reddito da PLN 400 (EUR 86) a PLN 1150 (EUR 246) che saranno effettuati in due rate nel 2022.

Morawiecki ha anche osservato che la rapida crescita dell’inflazione è stata anche il risultato della pandemia e dei pacchetti di aiuti economici che hanno influenzato il tasso di inflazione, nonché del fatto che le economie stanno finalmente uscendo dalla pandemia.

“Ci siamo trovati di fronte al dilemma se permettere alla disoccupazione di crescere da 1,5 a 2 milioni o proteggere i luoghi di lavoro. Abbiamo deciso di proteggere i luoghi di lavoro, motivo per cui abbiamo iniettato 43 miliardi di euro nell’economia”, ha affermato.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento