Politica / World News

Trapela documento che rivela piano segreto turco per invadere la Grecia

Trapela documento che rivela piano segreto turco per invadere la Grecia

Un documento militare turco di alto livello ha rivelato l’esistenza di piani segreti turchi per invadere la Grecia e l’Armenia.
Il piano per un’invasione della Grecia è particolarmente sconcertante considerando che entrambi i paesi sono membri dell’alleanza NATO, e quindi alleati, ma non sorprende dato l’escalation delle mosse provocatorie della Turchia contro il suo vicino europeo.

I documenti sono stati rivelati e ripubblicati in una relazione di Nordic Monitor. Il documento, che è una presentazione di PowerPoint che era stata preparata per lo Stato Maggiore turco, è stato scoperto in un fascicolo utilizzato in una causa giudiziaria derivante da un’indagine sul ruolo dello Stato Maggiore nel fallito colpo di stato contro il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. Il colpo di stato è stato tentato nel luglio 2016, e alcuni elementi delle forze armate turche hanno partecipato ad esso.

Il procuratore che è stato assegnato all’inchiesta, Serdar Coàkun, ha ordinato che tutte le e-mail scambiate tra gli ufficiali della sede dello Stato Maggiore turco dei due mesi precedenti venissero ritirate per l’indagine nell’agosto 2016. Tre ufficiali finirono per essere incriminati e le e-mail furono consegnate alla 17a Corte penale di Ankara come parte dell’atto d’accusa. Questa presentazione è stata uno dei documenti che è stato inoltrato.

La presentazione porta la data del 13 giugno 2014 e ha il nome di “Turkish Armed Forces -aka Bey Operation Planning Directive”. Elenca le offensive pianificate contro la Grecia, più le date in cui sono state sviluppate per la prima volta. Il documento non contiene tuttavia alcun dettaglio dei piani di invasione, dato che questi sono contrassegnati come classificati e, secondo le procedure militari turche, non possono essere trasmessi via e-mail per motivi di sicurezza. Ma conferma l’esistenza dei piani di invasione della Turchia.

Bay era un comandante navale turco dell’XI secolo e conquistò molte delle isole greche nel Mar Egeo e parte del territorio della terraferma greca lungo la costa dell’Egeo durante l’era dell’impero bizantino. Bey è visto come un eroe nazionale in Turchia ed è considerato il fondatore della marina turca.

Sembra che la presentazione sia stata redatta come parte di un piano di emergenza che si stava sviluppando per quanto riguarda la guerra siriana. Lo Stato Maggiore turco stava progettando di spostare le forze al confine siriano in quel momento e voleva garantire che questo non mettesse a repentaglio la loro capacità di lanciare offensive contro gli altri vicini, come la Grecia.

È inclusa anche una lettera del marzo 2017 scritta dal tenente generale U’ur Taràn, Capo delle Comunicazioni di Stato Maggiore, in cui avvertiva l’ufficio legale dello Stato Maggiore che la corrispondenza che era stata inoltrata per l’indagine includeva documenti segreti relativi alla sicurezza nazionale che non dovevano essere condivisi con personale non autorizzato. Ciò indica che lo Stato Maggiore era desideroso di garantire che l’esistenza dei piani di invasione non raggiungesse il mondo esterno. Tuttavia, i pubblici ministeri turchi sembrano aver ignorato il suo avvertimento.

Il documento fa riferimento anche all’Operazione Altay, che è un piano per un’offensiva contro l’Armenia, piano già noto.

La Turchia ha da tempo una relazione antagonista con la Grecia, che si è deteriorata ancora di più negli ultimi tempi. In febbraio

Come reagirà la NATO se due dei suoi membri entreranno in guerra resta da vedere.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento