World News

Un secondo missile ha colpito l’areo ucraino che è precipitato in Iran. Errore umano?

Un secondo missile ha colpito l’areo ucraino che è precipitato in Iran. Errore umano?

Un nuovo video mostra che due missili iraniani hanno colpito il volo 752 dell’Ucraina International Airlines prima che si schiantasse vicino a Teheran la scorsa settimana

Il video, che è stato verificato da un team investigativo del New York Times, è stato caricato su YouTube da un utente iraniano martedì scorso.

Il video mostra che l’aereo ha continuato a volare, mentre era avvolto dalle fiamme, per un breve periodo dopo essere stato colpito dai missili.

Il video sembra provenire da una telecamera di sicurezza sul tetto di un edificio vicino a dove è stato colpito l’aereo.

 

Il video mostra un missile che colpisce l’aereo, che sembra provocare una piccola esplosione, seguito dal secondo attacco missilistico circa 20 secondi dopo.

Nessuno dei due missili ha immediatamente abbattuto l’aereo, che ha continuato a volare per diversi minuti e ha tentato di tornare all’aeroporto. Nel nuovo video, l’aereo sembra essere in fiamme poco dopo che il secondo missile lo ha colpito.

Il Times ha affermato che il nuovo video potrebbe aiutare a spiegare perché il transponder dell’aereo ha smesso di trasmettere prima dell’incidente, suggerendo che era stato danneggiato dal primo missile.

L’incidente è avvenuto poche ore dopo che l’Iran ha sparato una raffica di missili contro due basi militari in Iraq che ospitavano le forze statunitensi.

Inizialmente i funzionari iraniani hanno negato di aver abbattuto l’aereo, prima di cambiare versione e confermare di aver sparato i missili, incolpando “l’errore umano”  mentre i militari erano in allerta in caso di attacchi di ritorsione.

Funzionari iraniani hanno affermato che l’aereo ha volato troppo vicino a un sito militare, ma un’analisi dei dati del transponder da precedenti voli per Kiev e altri voli di mercoledì mattina ha rivelato che il volo 752 non si è discostato dalla sua rotta normale o è variato significativamente rispetto ad altri voli civili di quel giorno.

Il lancio dei missili iraniani, che non ha ucciso o ferito truppe statunitensi nelle basi irachene, è stato una rappresaglia per l’attacco americano che ha ucciso il più importante generale militare iraniano, Qassem Soleimani.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento