Islam / World News

Una donna cinese cacciata violentemente dalla macelleria Halal da un musulmano barbuto nel sud di Londra

Una donna cinese cacciata violentemente dalla macelleria Halal da un musulmano barbuto nel sud di Londra

Un video circola su Internet e mostra una signora dell’Asia orientale che viene violentemente buttata fuori da un negozio che vende carne e pesce da un musulmano con la barba.

 

A giudicare dal negozio, il filmato sembra essere stato girato fuori da Brixton, una zona diversificata del sud di Londra conosciuta per i suoi mercati di strada.

Anche se non è chiaro che cosa ha fatto la donna orientale o come si è comportata nel negozio, è ingiustificato ed incivile il comportamento del proprietario musulmano che caccia dal negozio un calcio.

Gli utenti sui social media stanno scrivendo che il gestaccio è collegato al coronavirus, infatti qualche giorno prime uno studente di Singapore è stato picchiato da una banda di adolescenti che hanno accusato i cinesi di aver portato il COVID-19.

Questo potrebbe non essere il primo episodio in cui i musulmani britannici sono violentemente razzisti nei confronti di persone di apparenza cinese.

A Birmingham, una studentessa di giurisprudenza dell’Asia meridionale è stata picchiata selvaggiamente a una banda di uomini “asiatici” per aver difeso la sua amica cinese sottoposta a provocazioni a causa del coronavirus.

A Exeter, un tassista dell’Asia orientale è stato picchiato e derubato da studenti che hanno fatto osservazioni simili.

Secondo quanto riferito, uno degli aggressori aveva un accento sudafricano.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento