Opinioni / Politica

Una ricetta estratta dai manuali comunisti

Una ricetta estratta dai manuali comunisti

I comunisti svilupparono una teoria sull’uso dei “movimenti”. Prima era l’UE, poi è diventata l’ambiente e ora è Pride. I politici hanno lottato per lanciarsi contro l’onda del Pride. Hanno usato il loro potere per incorporare con la forza il pubblico nel Pride, con bandiere che sventolano da edifici pubblici. Seguono una ricetta estratta dai manuali comunisti.

“È quasi parodico che tre partiti relativamente piccoli siano vicini ad avere una netta maggioranza tra i giornalisti norvegesi. La situazione è così da molto tempo. Ma è chiaro che dice qualcosa sulla stampa norvegese, dice il direttore del quotidiano cristiano Dagen, Vebjørn Selbekk a Nettavisen.

Sì, è stato difficile così per molto tempo. Ecco perché i tre partiti rossi estremi (ritengo anche che l’OSM sia rosso) hanno un sostegno di circa il 16 per cento della popolazione, mentre è del 42 per cento tra i giornalisti. Senza questo dominio rosso di lunga data nei media norvegesi, i tre partiti avrebbero probabilmente avuto solo un massimo del 5% di sostegno. È chiaro che quando i mezzi di comunicazione devono decidere sia l’ordine del giorno, le premesse del dibattito, la terminologia e l’angolazione unilaterale per molti anni, il modello di voto cambia gradualmente nella stessa direzione.

Con questo intendo dire che lo squilibrio tra giornalisti e opinione pubblica è in realtà persino maggiore di quello che le cifre a prima vista possono mostrare. Ciò dimostra che la resistenza delle persone è stata grande, ma anche che la resistenza ora si sta abbattendo e crollando sempre più con il passare del tempo. I giornalisti di sinistra danno separatamente e raccolgono il loro piccolo contributo quotidiano nella sfacciata demoralizzazione psicologica delle società occidentali, o “sovversione ideologica” come è stato chiamato nel gergo del Kgb. Il prolungato indebolimento psicologico è stato persistente e gommoso. Ora vediamo come, dopo molti decenni, questa guerra psicologica sta finalmente dando i suoi frutti con il successo dei progressisti con metodi invariabili nel far precipitare gli Stati Uniti in una fase di transizione disgregibile che apre la strada a una dittatura comunista d’élite.

Poiché questo gruppo radicale rimane in minoranza in Norvegia, Danimarca e Stati Uniti, nonostante il loro grande predominio mediatico e accademico, ora ricorrono negli Stati Uniti a molti degli stessi metodi di paura utilizzati dalle menti rivoluzionarie dei bolscevichi in Unione Sovietica sotto Lenin e successivamente Stalin. La nuova leadership politica negli Stati Uniti sta cercando di mettere i suoi abitanti contro i suoi oppositori anti-globalisti individuandoli come terroristi ed elementi sociali pericolosi. Da tempo vediamo tendenze simili in Norvegia, ma meno degenerate rispetto alla nuova amministrazione gangster di Biden.

In Russia, subito dopo aver preso il potere nel 1917, le Guardie Rivoluzionarie Rosse iniziarono a designare i loro nemici come elementi antisociali prima di arrestarli, condannandoli a morte o mandandoli nei campi di lavoro e nei campi di concentramento (Gulag). I discendenti ideologici del leninismo (o nipoti e bisnonni) nei media norvegesi usano parole come “estremisti di destra” o “odiosi” per identificare, emarginare e isolare i loro avversari. Le app Merkel collegano gli atteggiamenti aru ankaraed che ripetono alla noiosità di molti tipi di forum in modo che la maggioranza della popolazione debba finalmente credere nelle loro narrazioni cautelarie. L’ex direttore della CIA (che molto probabilmente si converte all’Islam, qualcosa che potrebbe non essere un’informazione aggiuntiva trascurabile in questo contesto), ora chiede che l’amministrazione Biden sposti la guerra al terrorismo dal Medio Oriente agli Stati Uniti.

Possiamo vedere, per esempio, come la CIA sta ora reclutando giovani dipendenti, per lo più minoritari, in una nuova unità di cadetti giovani e semplici il cui compito non è proteggere gli Stati Uniti, ma proteggere lo Stato unipartitore controllato democraticamente, che ora è in pieno svolgimento. Il loro compito sarà quello di individuare e monitorare gli elementi “controrivoluzionatari”, vale a dire la stragrande maggioranza della popolazione che non si sottometterà ancora al nuovo Stato unipartitario totalitario e alla sua ideologia. Ecco perché il monopolio di potere dello Stato deve essere utilizzato a questo scopo. Reclutando puristi scontenti, indottrinati e senza storia della Rivoluzione Culturale dalle minoranze razziali, l’élite bianca rivoluzionaria assicura che le reclute rimangano infuocate e leali al servizio. Ciò che questi giovani e semplici wokisti minoritari non capiscono è che il loro sogno della futura “dittatura proletaria svegliata” idealista sarà in seguito sostituito dalla dittatura del partito. I principali leader del nuovo culto richiederanno il controllo totale.

I nuovi soldati della Cia per la caccia alle streghe diventeranno per molti versi una versione moderna della polizia segreta sovietica, Tsjekaen (abbreviazione di “The Alrussian Extraordinary Commission for The Fight Against Counter-Revolution and Sabotage”). Dovrebbero spaventare la gente all’obbedienza. L’attentato a Lenin nel 1918 fu l’inizio de “Il terrore rosso” contro le zie. La “tempesta del Congresso” è ora ampiamente utilizzata dalla nuova amministrazione rossa d’élite a Washington per chiedere l’epurazione nel paese degli oppositori attraverso l’uso dell’esercito e della polizia. Questo non può essere attuato in modo efficace fino a quando i progressisti politicamente dedicati non avranno assunto la guida di tutte le unità di sicurezza negli Stati Uniti.

Gli sviluppi negli Stati Uniti sono a dislocamente spaventosi, ma non sono stati prodotti da solo o nel vuoto. senza molti decenni di guerra psicologica da parte dei media di sinistra, o “sovversione” ideologica, sarebbe stato impossibile da attuare.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento